Top

Eccellenza, l’Accademia Pavese cala il poker. I biancorossi raggiungono la Varesina in testa alla classifica

L’Accademia Pavese sbanca anche il centro sportivo comunale di via Vismara conquistando la sua quarta vittoria in campionato, la terza consecutiva in trasferta, restando appaiata alla Varesina in testa alla classifica a punteggio pieno.

Ecco Catania

La gara parte in salita per la squadra di Balestra messa sotto nei minuti iniziali del match dai padroni di casa che, nonostante perdano Paloschi per un problema muscolare dopo nemmeno dieci minuti dal fischio di inizio, grazie al dinamismo di Diabatè e Stefania in mezzo al campo dettano i ritmi alla gara. L’allenatore dell’Accademia corre ai ripari ridisegnando tatticamente i suoi: Mori, inizialmente schierato da esterno destro di centrocampo viene dirottato al fianco di Maggi e Landi in mediana. La mossa è vincente tanto è vero che bastano pochi minuti e la gara cambia totalmente. Catania inizia a seminare il panico sulla sinistra mettendo in seria difficoltà la retroguardia rossoblu. Dopo il gol annullato a Bonelli al 27’ per fuorigioco, Catania porta in vantaggio i colchoneros. Al 35’, lanciato in profondità da Catta, prima semina Beccaria e Manzoni e poi fredda Casanova mandando i suoi al riposo in vantaggio.

Finale concitato

Nella ripresa la Calvairate si butta in avanti a caccia del pareggio. Al 15’ Ricupati costringe Migliari al primo miracolo della serata; la squadra di Nichetti spinge, costringe gli avversari nella propria metà campo ma fatica a pungere negli ultimi 20 metri. Il mister rossoblu gioca la carta Rampinini per aumentare la densità in mezzo all’area di rigore dove il solo Ricupati si prodiga molto ma è spesso troppo solo.

Alla mezz’ora succede di tutto: un contropiede dell’Accademia culmina con il tiro di Catania che si infrange sul palo; sulla ribattuta il contatto tra Torrisi e Catta, pronto a ribadire in gol, viene ignorato dal direttore di gara che neanche trenta secondi dopo assegna invece il penalty nell’area opposta punendo l’intervento di Migliari su Passoni e scatenando le proteste della panchina ospite. Ma non è finita: Migliari ipnotizza Rampinini respingendo però il pallone sui piedi dello stesso attaccante rossoblu, tocco al centro per Passoni che segna da pochi passi. La gioia per il gol del pareggio dura però pochi istanti perché l’arbitro annulla per posizione di offside scatenando questa volta le proteste della squadra milanese. È Passoni il più inferocito tanto che nel giro dei successivi quattro minuti si becca il doppio giallo che gli fa guadagnare anzi tempo la via degli spogliatoi.

In inferiorità numerica la Calvairate ci prova ma paga psicologicamente l’errore dal dischetto. L’Accademia può così riordinare le idee e tornare a pungere in contropiede: il neoentrato Cobucci, dopo aver sfiorato il gol in un paio di occasioni, chiude il match a pochi secondi dal novantesimo sfruttando una buona iniziativa di Civardi sulla sinistra.

Le pagelle

CALVAIRATE: Casanova 6.5, Paloschi SV (9’pt Manzoni 5.5, 14’st Rampinini 6), Bianchini 6, Diabatè 6 (42’st  Sarina SV), Beccaria 5.5, Torrisi 5.5, Passoni 5, Stefania 5.5 (36’st Conte SV), Ricupati 6.5, Visigalli 5.5, Baiardo 5.5. A disposizione: Consiglio, Corti, Battaini, Primavera, Cutolo. Allenatore : Claudio Nichetti

ACCADEMIA PAVESE: Migliari 7, Petrillo 6 (23’st Olivieri 6), Mazzocca 6.5, Landi 7, Eugenio 7, Tambussi 6.5, Mori 6, Maggi 6 (31’st Civardi 6), Catta 6.5 (38’st Cobucci 6.5), Catania 7 (46’st Poliani), Bonelli 6 (16’st Serafini 6). A disposizione: Picone, Airoldi, Balesini, Cornaghi. Allenatore: Andrea Balestra

M.M.

Condividi su
X