Top
C Gold

C Gold – 23a giornata – Cermenate bestia nera, Cernusco per il futuro. Il prossimo turno? Si decide tutto (o quasi)

Ventitreesima giornata di C Gold messa alle spalle e tre turni prima della fine della stagione regolare. Un turno dove non sono mancate le sorprese, un rush finale che non prevede esclusione di colpi soprattutto per entrare tra le prime otto.

 

OVEST – Cermenate bestia nera, Saronno si inchina anche in casa

Quando non riesci a battere un avversario, meglio abbassare la testa e guardare avanti. La Robur Saronno cade in casa contro Cermenate, con i lariani che si confermano vera e propria bestia nera degli Amaretti. La formazione di Massimiliano Mazzali bissa il successo dell’andata e, soprattutto, compie il passo verosimilmente decisivo per avere un posto al sole. Attenuanti saronnesi? Ci sono, vista l’assenza di Filippo Politi e una serata poco esaltante al tiro da parte non solo di Matteo Clementoni (2/10) ma di tutta la Robur. Così Cermenate ringrazia: Alessandro Guidi vive una serata da 5/6 con i piedi oltre l’arco, Luca Brambilla giganteggia nel pitturato (17 punti con 7/10 da due e 12 rimbalzi). Saronno s’arrende ma può comunque chiudere prima, anche se lascia sul banco due punti importanti in ottica futura.

 

LE ALTRE PARTITE – Nerviano e Milano 3 dimostrano la loro superiorità

Quattro squadre in due punti e all’orizzonte uno scontro diretto che può dire molto sul futuro di Valceresio e Gallarate, nella parte occidentale della Lombardia, in C Gold. Settimana prossima le squadre di Bruno Bianchi e Federico Sassi saranno una di fronte all’altra, la vincitrice farà un passo importante verso la poule promozione. Ora, però, c’è da leccarsi le ferite visto che l’ultimo turno ha raccontato la superiorità di Nerviano e Milano 3. I primi hanno vinto di reazione, con un terzo quarto esagerato (27-13) guidati dalla coppia Nuclich-Colnago (47 punti in due). La squadra di Sandro Pugliese è stata di fatto sempre avanti sfruttando la verve del duo Iacono-Bassani (44 punti, equamente divisi) mentre i 16 punti di Hidalgo sono in media, sì, ma tutti da pesare. Futuro che passa dal prossimo turno, anche se Mortara fa quasi un favore. L’ABC Cantù non si muoverà da quota 20, avendo perso in terra pavese e già sconfitta nell’anticipo del ventiquattresimo turno contro Gazzada. Busto Arsizio cala il trentello (+32) a Cislago con cinque giocatori in doppia cifra, Opera vince su Erba e aggancia proprio i rivali in classifica.

 

GALLARATE-MILANOTRE 66-76

MORTARA-ABC CANTU’ 79-67

ROBUR SARONNO-CERMENATE 61-64

CISLAGO-BUSTO ARSIZIO 64-96

OPERA-ERBA 72-69

NERVIANO-VALCERESIO 84-76

HA RIPOSATO: 7 LAGHI GAZZADA

 

EST – Cernusco rimonta Cremona, ma non rimonterà Iseo e Lissone

Una vittoria netta, che servirà più per il futuro che non per il restante presente. La vittoria, netta, di Cernusco sulla Sanse Cremona è frutto di una ripresa sontuosa (41 punti segnati, solo 19 concessi all’avversario) e di un collettivo che si dimostra sempre unito. Tutti i giocatori di Marco Cornaghi a referto, eccezion fatta il giovane Corbelli (in campo solo 2 minuti). Ma i due punti sulla Sanse serviranno più come bagaglio nella poule salvezza, che non per vivere il sogno dell’ottavo posto. Lissone e Iseo distano quattro punti e di partite ne mancano tre. Se si pensa, in più, che Cernusco la prossima partita affronterà la capolista Piadena… Il successo su Cremona, però, dice tanto. Ovvero di una squadra che, con lo spirito messo in luce nel secondo tempo, non dovrebbe avere particolari problemi a raggiungere la salvezza.

 

LE ALTRE – Lissone mette il mattone portante, Milano si conferma insidiosissima

Scherzetti da C Gold. Proprio in fase di presentazione avevamo anticipato come Pizzighettone potesse cadere nel tranello teso dalla Pallacanestro Milano. Detto, fatto, anche se la vittoria dei ragazzi di Romano Petitti è solo monito per far capire la forza di Emilio Banic e compagni (29 punti per il classe ’93) alle altre squadre che navigano in cattive acque. Là dove non naviga Lissone, sempre più vicina all’ottavo posto grazie alla netta vittoria su Sustinente. Merito anche del ruzzolone di Romano Lombardo, crollata in casa contro Lumezzane (20 punti di Gandoy, 19 con 5/7 da tre per Scaramatti) e di un prossimo turno che vedrà proprio la formazione bergamasca affrontare Iseo. Con Lissone che andrà, invece, a Gardone Valtrompia, in un incrocio che dirà tutto (o quasi) sul futuro legato alle prime otto. Piadena torna alla vittoria nel più classico dei testacoda mentre Soresina ha bisogno di un supplementare per sorridere.

 

CERNUSCO-SANSE CREMONA 72-54

LISSONE-SUSTINENTE 74-47

PALL.MILANO-PIZZIGHETTONE 73-69

ROMANO LOMBARDO-LUMEZZANE 62-91

PREVALLE-ISEO 74-56

SORESINA-GARDONESE 93-83dts

BLU OROBICA BERGAMO-PIADENA 71-90

Condividi su
X