Top

Caon: “La nostra politica non prevede di guardare la classifica nell’immediato”

Le tante varianti che potranno influire sull’andamento dell’ormai imminente campionato di Eccellenza potrebbero regalare non poche sorprese sopratutto per quanto riguarda quelle che saranno le vincitrici finali dei tre gironi. Come sempre ci sono delle favorite, ovvero squadre che hanno un obiettivo ben preciso e che sulla carta sembrano essere più competitive di altre, ma in sole 10 partite potrà succedere davvero di tutto.

Una società che potrebbe rivelarsi l’outsider del girone A è il Gavirate, formazione che farà il suo esordio in questo campionato sul campo della Varesina, una delle maggiori indiziate per la vittoria finale. Abbiamo intervistato Cristian Caon, l’allenatore dei rossoblu, per sentire un suo parere in merito a questa ripresa: “La volontà è stata quella di dare un segnale di speranza a tutto l’ambiente, dal punto di vista economico non ci sarà un ritorno diretto: si è deciso di tornare in campo per far capire a tutti i tesserati del Gavirate che anche in un momento del genere la società è presente, si vuole tornare al più presto alla normalità. Non si tratta di una scelta incosciente, ci saranno dei protocolli molto rigidi da seguire che sono già stati testati nel campionato di Serie D. Fare due gironi da 16 squadre avrebbe comportato delle trasferte molto lunghe, di conseguenza ci si sarebbe dovuti sportare con il pullman e dal punto di vista sanitario sarebbe stato deleterio, in più inserire 5 turni infrasettimanali non sarebbe stato sostenibile. La nostra politica non prevede di guardare la classifica nell’immediato, noi siamo una squadra neopromossa e non abbiamo ancora avuto modo di confrontarci con questa categoria. Il nostro obiettivo è quello di lavorare in prospettiva per la prossima stagione, infatti gran parte dei giocatori che attualmente sono in rosa faranno parte anche del progetto dell’anno prossimo: scenderemo in campo per dimostrare di poter stare in questa categoria. Noi siamo la stessa squadra che dalla Promozione è salita in Eccellenza, è difficile pensare che riusciremo a fare il doppio salto anche perché noi che ci alleniamo la sera tre volte alla settimana ma dovremo confrontarci con squadre che scendono in campo circa sei giorni su sette. Le favorite sono senza dubbio la Varesina e l’Olginatese, si tratta di due società che anche adesso stanno rinforzando delle rose che sono già fortissime, penso che l’outsider del girone possa invece essere la Vergiatese, tuttavia il pallone è rotondo e vedremo cosa succederà in campo“.

Emanuele Vento 

Condividi su
X