Top

Casale Serie D, Riccardo Forte: “Potevamo arrivare più in alto. Playoff? Ce la giocheremo”

L’attaccante classe ‘99 Riccardo Forte ci ha parlato del primo anno a Casale e del finale di stagione. 15 gol in 31 presenze di campionato per lui quest’anno, un calciatore che vanta un passato tra i professionisti e nelle giovanili del Milan. Il Casale arriva dalla vittoria esterna sul
campo del Bra per 1-2 e domenica affronterà nell’ultima giornata di campionato il Ligorna. La stagione dei nerostellati continuerà con i playoff.

Nell’ultima gara di campionato hai siglato una doppietta contro il Bra, che partita è stata?

“È stata una partita un po’ strana, loro giocavano in casa e sono partiti molto forte come ci aspettavamo. I primi dieci minuti abbiamo sofferto abbastanza la loro aggressività. Poi è uscita la nostra qualità e i due gol ravvicinati gli hanno tagliato le gambe, anche se poi sono riusciti ad accorciare verso la fine del primotempo. Il secondo tempo la partita si è spenta un po’ e si è giocato poco. Noi cercavamo di difendere il risultato e loro di buttarsi in avanti”.

Ultima sfida di campionato contro il Ligorna, come la state preparando?

“La stiamo preparando come sempre, ci basiamo poco sugli altri e cerchiamo di prepararci noi. Quando arrivi a fine stagione le squadre si conoscono di più. Stiamo lavorando sull’aspetto fisico, visto che nell’ultimo periodo ci abbiamo lavorato poco, siccome abbiamo avuto tante partite quindi non l’abbiamo mai allenato. Stiamo cercando di ritrovare un po di brillantezza che avevamo perso, per arrivare al meglio ai playoff. Domenica vogliamo difendere il terzo posto”.

Cosa ti aspetti dai playoff?

“Penso che chiudiamo la stagione con qualcosa in meno rispetto a quello che potevamo fare. Nell’ultimo periodo abbiamo sicuramente fatto bene e ci siamo tirati su. C’è stato un momento nella stagione in cui abbiamo avuto un grande calo, seguito dal cambio allenatore e dalla pausa per il Covid. Potevamo arrivare più vicini alle prime due squadre in classifica. Per questo credo sia giusto che gli altri abbiano paura di noi. Veniamo da tanti risultati utili consecutivi percui penso che dobbiamo fare pochi calcoli. I playoff sono gare difficili, ma ce la giocheremo”.

Il momento più bello della stagione?

“A livello collettivo credo proprio questo perché siamo in un’ottima fase della stagione. All’inizio abbiamo fatto un po fatica, ma piano piano ci siamo messi a posto. A livello personale posso dire il periodo di ottobre-novembre in cui ho segnato in due gare di fila, tra cui quella a Novara che è stata una partita molto importante. È anche il momento in cui sul campo mi sentivo meglio”.

Il tuo obiettivo per il futuro?

“Il mio obiettivo è andare in C e tornare tra i professionisti. A inizio anno mi sarebbe piaciuto farlo con il Casale, ora affronteremo i playoff ma sappiamo che poi non dipende da noi se ci sarà la possibilità oppure no”.

Cosa ti ha portato al Casale la scorsa estate?

“Sicuramente il progetto che mi è stato presentato. Un progetto importante vista anche la squadra che è stata allestita per la stagione. Era molto stimolante l’idea di giocare in una squadra che gioca per vincere il campionato, una situazione nella quale non mi sono mai trovato in precedenza. Per questo ho pensato che questo fattore fosse qualcosa in più e così è stato. Anche se da gennaio-febbraio non eravamo più in corsa, fino a novembre-dicembre lo siamo stati e si sentiva la differenza di quando giochi per vincere rispetto ad altri obiettivi”.

Condividi su
X