Top

Casatese Serie D, Re Giorgio Recino a cuore aperto: «Sogno la promozione con la Casatese. I miei obiettivi personali vengono dopo»

Giorgio Recino è indubbiamente uno degli uomini del momento. Del resto non fa notizia sapere che Re Giorgio comanda la classifica cannonieri del girone B di Serie D, visto che stiamo parlando di un calciatore che ha già messo a segno più di 220 gol in carriera in diverse categorie. Ciò che stupisce invece, è sentirlo parlare con un’umiltà fuori dal comune nonostante la sua grande esperienza sui campi di calcio.

Giorgio ha parlato in primis della stagione in corso e dei suoi obiettivi: «Il campionato è ancora lunghissimo e può succedere veramente di tutto, sia a livello di squadra che a livello individuale. Quello che posso dire è che ogni anno mi pongo l’obiettivo di migliorare e di aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi prefissati ad inizio stagione, alla fine è questo ciò che posso fare. Dal canto mio, siccome voglio migliorare di anno in anno mi piacerebbe superare i 21 gol dell’anno scorso, ma sia chiaro, se posso scegliere tra questo o la promozione con la Casatese non c’è dibattito, la squadra viene prima di tutto e tutti».

Recino ci ha poi spiegato quali sono state le motivazioni che lo hanno portato a firmare per la Casatese nella scorsa estate: «Sono arrivato a Casate Novo dopo due anni di Desenzano Calvina. Non mi nascondo, arrivare fino a Desenzano da dove abito io era un impegno non da poco, mentre con la Casatese sono rimasto vicino a casa ed è tutta un’altra vita. Poi però non è stato solo questo il motivo del trasferimento, perché alla fine al Desenzano sono state fatte delle scelte ed evidentemente non puntavano tanto su di me. Avevo dato la mia disponibilità a continuare ma non si è fatto sentire nessuno e alla fine ho preso la mia scelta. Devo dire che la Casatese è stata una scelta abbastanza semplice, me ne avevano sempre parlato bene e dopo questi primi mesi non posso fare altro che dire che effettivamente è una grande società».

Re Giorgio ha spezzato altre lance in favore della Casatese: «Mi sto trovando molto bene, fin dal primo giorno mi sono sentito a casa. Con i compagni ci siamo trovati fin da subito, c’è da dire che il ritiro ad inizio stagione è una di quelle cose che cementificano il gruppo e ti fanno conoscere chi hai di fianco. Infine poi, mi sembra doveroso anche ringraziare i nostri meravigliosi tifosi, che sono la spinta in più della nostra squadra. Fa molto piacere sentirli e vederli cantare ogni domenica per 90 minuti, sotto la pioggia e il gelo loro ci sono sempre. Noi cerchiamo di ringraziarli a nostro modo sul campo, cercando di ripagarli con vittorie e belle prestazioni».

Infine Recino ha fatto un bilancio sulla sua carriera fino a questo momento: «Ho giocato in molte categorie perché sono partito dal basso, cominciando praticamente dalla prima categoria per poi scalare fino alla Serie C. Quelli della Giana sono stati anni meravigliosi perché in 4 anni abbiamo centrato 3 promozioni consecutive fino ad arrivare tra i professionisti. Un’esperienza indimenticabile e che porterò sempre con me, in Serie C si respira un’aria diversa, si sente di essere un gradino sopra la Serie D».

 

Francesco Nigro

Condividi su
X