Top

Prima Categoria B – Andrea Riva, DS Portichetto: “Pensiamo ad una domenica alla volta ma vogliamo i playoff”

Andrea Riva è il cuore del Portichetto. Da molti anni è il direttore sportivo della squadra e da quando c’è lui i biancorossi hanno vinto un campionato di Prima Categoria e hanno poi militato in Promozione, rimanendoci una stagione.
Quest’anno il Portichetto, sempre nel girone B di Prima Categoria, si sta ben comportando poiché è in piena corsa playoff a 6 giornate dal termine.

Finora non posso che fare i complimenti ai ragazzi per quanto hanno fatto perché ci stiamo ben comportando, nonostante i tanti infortuni. Per esempio non abbiamo mai avuto Longarzo, Gasparini ha dovuto assentarsi per oltre un mese per lavoro, Baitieri ha terminato la stagione in anticipo, e in più ci sono stati vari infortuni che hanno condizionato il nostro cammino. Il cambio di panchina ha portato i suoi frutti, non perché mister Roncoroni non stesse facendo un buon lavoro, ma perché serviva una scossa al gruppo. Infatti i ragazzi hanno sempre lavorato intensamente in questo 2019 però sono arrivati troppi pareggi che hanno condizionato la nostra classifica”.

Domenica vi aspetta l’Ardita.

L’Ardita ha una rosa da potenziale primo posto in classifica. Difficilmente trovo altre squadre del suo livello per numero di giocatori “veri” a disposizione. Poi non sempre va tutto secondo i piani, certi risultati ti condizionano e non riesci a fare come vorresti. Sicuramente il prossimo weekend sarà parecchio dura però noi scenderemo in campo con il coltello tra i denti, come abbiamo fatto a Rovellasca”.

Vincere il campionato è molto difficile però i playoff restano l’obiettivo?

Assolutamente sì, anche se a noi piace guardare di domenica in domenica, senza fare troppi piani o calcoli. Questo fine settimana dobbiamo andare in campo e provare a vincere la gara. Così come le domeniche successive. I playoff arriveranno di conseguenza”.

In conclusione Riva ha voluto fare un saluto speciale: “Voglio salutare e ringraziare il papà di Marco Bertoni, attuale allenatore del Cabiate, Giuliano, perché è stato il mio direttore sportivo negli ultimi miei due anni da calciatore. Gli sono molto grato perché ho imparato molto da lui e perché è una persona fantastica. Sono davvero contento di quello che sta facendo suo figlio a Cabiate, se lo merita”.

Alessandro Saraceno

Condividi su
X