Top

Ciliverghe Eccellenza, Volpi dopo la decisione della società: “Accetto la scelta tecnica, adesso guardiamo avanti”

Da qualche giorno Sergio Volpi non è più l’allenatore del Ciliverghe. Una stagione a due facce quella del Cili, che se da una parte è riuscito a fare benissimo in Coppa, vincendo a livello regionale e arrivando alle finali nazionali, dall’altro non è riuscito a centrare l’obiettivo playoff in campionato, chiudendo all’undicesimo posto. L’ex tecnico del Ciliverghe Volpi, paga caro l’andamento in campionato, ma si è dimostrato un vero professionista nell’accettare la scelta della società:

“É successo che la società ha voluto cambiare e prendere altre strade. La scelta mi è stata comunicata lunedì sera dal direttore sportivo e diciamo che la posso comprendere. Nel calcio succede questo, andando a vedere la stagione so che in campionato abbiamo avuto un rendimento completamente diverso rispetto alla Coppa, e siccome l’obiettivo della società era quello di fare i playoff, alla fine pago io. Sono dispiaciuto perchè evidentemente non sono riuscito a trasmettere alla squadra gli stimoli giusti per il campionato, mi prendo tutte le mie colpe e le responsabilità, ma facendo un discorso più ampio non credo di essere stato l’unico ad aver sbagliato. Si vince e si perde tutti, non solo una persona”.

Come ha preso la decisione della società?

“Normalmente, come già detto accetto la scelta a livello tecnico, può essere comprensibile. Spero solo che dietro non ci sia altro che non mi è stato comunicato. Adesso si deve pensare per forza al futuro, se ci sarà qualche proposta la valuterò perchè amo fare questo mestiere, altrimenti aspetterò e starò a vedere”.

Un bilancio sulla stagione e sul Ciliverghe?

“Stagione così così, è agli occhi di tutti, bene in Coppa, non bene in campionato. Comunque sia andata io ringrazio il Ciliverghe per quanto mi ha dato in questo periodo, accetto la scelta tecnica e vado avanti. Spero che non cambino i rapporti tra le persone, mi auguro che in futuro ci si possa salutare ancora amichevolmente sui campi. Alla fine io ho dato tutto me stesso, evidentemente ho peccato in qualcosa perchè non ho trasmesso il mio tutto in ogni partita alla squadra, ma a livello personale sono a posto con me stesso per l’impegno”.

 

Francesco Nigro

Condividi su
X