Top

Coppa Italia, l’Alcione sconfigge la Folgore Caratese ai rigori e passa il turno

Sono serviti i rigori per decretare chi tra Folgore Caratese e Alcione potesse passare questo turno preliminare di Coppa Italia, i tiri dal dischetto hanno infatti premiato la formazione di mister Cusatis, il quale può ritenersi più che soddisfatto in quanto la gara di oggi rappresentava il primo approccio ufficiale del club milanese con il mondo della Serie D. Al “XXV Aprile“, dopo lo 0-0 maturato al termine dei novanta minuti, gli errori commessi da Kone e Romano dagli undici metri hanno condannato la Folgore Caratese ad abbandonare questa competizione.

Gli ospiti entrano in campo con il piglio giusto e nel primo quarto d’ora di gioco costruiscono due occasioni da gol prima con Cannataro e poi con Manuzzi, il quale calcia di prima a pochi passi da Olivieri, ma non riesce a trovare lo specchio della porta. Uno dei grandi protagonisti della prima metà di gara è proprio l’estremo difensore della Folgore, che in più di una circostanza si ritrova costretto a uscire dalla propria area di rigore per fermare le ripartenze avversarie. I primi due squilli della squadra guidata da mister Commisso arrivano entrambi dalla distanza, prima Romano calcia potente ma centrale, nessun problema per Vinci nel deviare il pallone in angolo, dopodiché, Fognini nei minuti finali del primo tempo ci prova al volo da fuori area, ma il pallone finisce direttamente nei guantoni dell’estremo difensore orange. Nella ripresa le occasioni più importanti sono tutte targate Folgore Caratese, l’entrata in campo di Kouda ha senza dubbio vivacizzato le manovre offensive biancoblù. L’opportunità più importante della partita capita proprio sui piedi del numero 88, il quale, dopo essere riuscito a mettere giù lo splendido lancio effettuato da Romano, si addentra in area di rigore e riesce a ritagliarsi lo spazio per il tiro, la sua conclusione però si schianta sul corpo di Vinci, abile nel coprire gran parte dello specchio in uscita. Dopo pochi minuti Kouda ci riprova da fuori area, il suo destro prende l’effetto voluto ma il pallone passa a pochi centimetri dall’incrocio dei pali. Nel corso della ripresa mister Commisso ha provato anche a giocarsi la carta Alma, il quale nei giorni scorsi è tornato ad allenarsi con il resto del gruppo. Nonostante i numerosi tentativi offensivi effettuati dai biancoblù però, il muro orange non è crollato.

Per quanto riguarda invece i tiri dal dischetto, le due formazioni hanno dovuto calciare sei rigori a testa per decretare la vincitrice di questo incontro. Dopo gli errori commessi da Kone e Romano, Lacchini non ha perdonato i suoi avversari, regalando così all’Alcione il passaggio del turno. Il 22 settembre il club milanese sfiderà dunque la Vis Nova, formazione che nella giornata odierna ha sconfitto a sua volta la Brianza Olginatese per 3-1, decisiva la doppietta realizzata da Fall.

Emanuele Vento

Condividi su
X