Top

Coppa Italia Serie D | Folgore Caratese, Criscitiello: “Obiettivo playoff, ma a Sanremo non andremo all’Ariston”

Coppa Italia di Serie D al dunque: domani, alle ore 15, la Folgore Caratese si giocherà la semifinale di andata sul campo della Sanremese. Momento caldo per i liguri: il dg Pino Fava, in seguito al 3-0 incassato dal Vado, ha dichiarato che il futuro dell’allenatore Nicola Ascoli dipenderà da questa partita. In Brianza invece, dopo il 4-0 subito dal Caravaggio, il presidente Michele Criscitiello si è preso ogni responsabilità chiarendo: primo obiettivo playoff, secondo obiettivo la finale di Coppa.

Il cammino e il mercato di Folgore Caratese e Sanremese

La Folgore Caratese, in Coppa, ha battuto Caravaggio (2-0), Ciliverghe (2-1), Seregno (2-2 e 5-3 ai rigori) e Union Feltre. In campionato la squadra di Emilio Longo è a -1 dai playoff: nel girone di ritorno una vittoria, un pareggio e due ko di fila nelle ultime partite. Sul mercato operazioni a centrocampo: Paolo Valagussa (1993 dall’Arzignano), Mattia Cozzari (1999 dal Rimini) e Manuel Covarelli (2001 dalla Viterbese).  La Sanremese, invece, è arrivata in semifinale superando Savona (0-0, 4-2 ai rigori), Chieri (3-0), Inveruno (2-2, 5-3 ai rigori) e Seravezza (1-1, 4-3 ai rigori). In campionato è a -1 dai playoff, non vince da cinque partite (due pareggi) e non segna da quattro. Il mercato invernale ha portato l’attaccante Andrea De Iulis (1993, Trastevere, 6 gol) e il portiere Alessandro Signorini (1999, Ghivizzano).

Folgore Caratese, il presidente Criscitiello: “Mai avuto velleità di primato, puntiamo ai playoff e alla finale di Coppa”

“Il 4-0 col Caravaggio? Giusto che il presidente metta la faccia: la responsabilità è soltanto mia. Avrei dovuto gestire meglio la pressione del doppio impegno campionato-Coppa e la fase di passaggio di un mercato che ci ha visti puntare sempre più sui giovani. Forse qualcuno aveva già la testa alla Sanremese, un appuntamento storico per la società. Ma staff e tecnico hanno la massima fiducia da un anno e mezzo. Il primo obiettivo è fare i playoff: forse qualcuno credeva che con qualche battuta d’arresto della Pro Sesto avremmo potuto puntare a qualcosa in più, ma con un centrocampo fatto di 1998, 1999 e 2001, e con un attacco, escluso Ferrari, fatto di 2000, 2000 e 1999, sinceramente non possiamo avere ambizioni di primato e non ne abbiamo mai avute. Bisogna sapersi pesare e lo sappiamo fare. Obiettivo playoff. E a questo punto puntiamo alla finale: a Sanremo non andremo all’Ariston”.

Sanremese, il dg Fava: “La posizione di Ascoli? Aspettiamo la partita di Coppa, la squadra è col tecnico e mi aspetto una grande risposta”

“Siamo rammaricati per come è maturata la sconfitta col Vado. Per quanto riguarda la situazione e la posizione del mister Ascoli, ci riserviamo di aspettare il prossimo impegno tra tre giorni in Coppa Italia contro la Folgore Caratese. Considerando che la squadra in questo momento difficile si è sempre schierata dalla parte del tecnico, mi aspetto mercoledì dai giocatori una grande risposta sul campo”.

Condividi su
X