Top

Cretaz: “eravamo partiti per salvarci, stiamo vivendo un sogno”

In seguito alla vittoria ottenuta ieri contro l’Arconatese, il Pont Donnaz ha momentaneamente conquistato la vetta della classifica del girone A con un punto di vantaggio rispetto alla Castellanzese e due rispetto al Gozzano, formazione che però deve recuperare due partite. Abbiamo dunque raggiunto telefonicamente Roberto Cretaz, mister del Pont Donnaz, per sentire un suo parere in merito all’andamento degli Orange in questo campionato.

Il mister della capolista ha subito voluto esprimere una sua opinione riguardo all’attuale situazione di classifica del girone A: “In questo momento in testa secondo me c’è il Gozzano, non credo che questa squadra incontrerà tanti problemi nel vincere i propri  recuperi, stiamo parlando di quella che era la grande favorita, e che secondo me è rimasta tale. Ci sono diverse squadre che nel corso di questa stagione hanno dimostrato di essere molto forti, sto parlando di Castellanzese, Bra, Gozzano, Legnano, Sanremese e Folgore Caratese”. Dopo aver spiegato quali erano gli obiettivi iniziali del Pont Donnaz, mister Cretaz ha poi affrontato diverse tematiche tra cui anche quella legata alle difficoltà che la sua squadra è stata costretta ad affrontare: “Il mio mandato prevedeva la salvezza e il consolidamento della categoria. In Valle D’Aosta la Serie D mancava da 10 anni, posso assicurare che non è facile giocare a calcio da queste parti, quando arriva l’inverno fa parecchio freddo, non ci sono le strutture e tutto diventa più difficile: eravamo partiti per salvarci, stiamo vivendo un sogno. A Gennaio abbiamo fatto davvero molta fatica, le nostre partite venivano rinviate per neve, non per Covid. In rosa ci sono cinque calciatori di livello molto alto, per il resto si tratta di giocatori che sono rimasti dopo la vittoria dell’Eccellenza o di ragazzi valdostani. Secondo me i gruppi li fanno i risultati: quando arrivano le vittorie ci si vuole tutti bene, quando si perde invece ci si odia, è nei momenti di difficoltà che si vede davvero la forza di un gruppo”. L’allenatore del Pont Donnaz ha poi affermato che secondo lui questo campionato ha ancora tante sorprese da offrire: “La salvezza è stata raggiunta, mi piacerebbe molto poter affrontare i play off. Continuo a dire ai miei ragazzi che il campionato è ancora molto lungo e specialmente nelle ultime cinque giornate potrebbe succedere davvero di tutto. Come detto prima, a Gennaio abbiamo incontrato diverse difficoltà, in quattro gare abbiamo conquistato soltanto una vittoria, tra l’altro contro la Lavagnese in una partita in cui abbiamo superato la metà campo solamente una volta, proprio in virtù di questi risultati è possibile vedere come ci voglia un attimo a perdere punti e posizioni. Alla squadra dico sempre che abbiamo fatto bene, ma possiamo fare benissimo, ci tengo a ripeterlo: per noi tutto questo è un sogno. Quando sono arrivato qua il Pont Donnaz era ottavo in Eccellenza, dopo un anno e mezzo siamo primi in Serie D e non sono passate poche giornate dall’inizio, ieri era la 30°. Inoltre, non bisogna dimenticarsi che in casa con il Legnano abbiamo perso il nostro leader: non è facile sopperire all’assenza di un giocatore come Fabio Lauria, praticamente tranne i rinvii dal fondo batteva tutto lui”. 

Emanuele Vento 

Condividi su
X