Top

Fanfulla Serie D, Bonazzoli è fiducioso: “Situazione non critica, con intelligenza e sacrificio possiamo farcela”

Emiliano Bonazzoli da qualche giorno è il nuovo allenatore del Fanfulla. L’ex Serie A è arrivato in bianconero con grandi motivazioni e voglia di fare, e soprattutto per farsi un nome come allenatore, dopo le sue passate esperienze come tecnico delle femminili delle due squadre di Verona e come collaboratore di Aimo Diana nel Renate. Bonazzoli è carico e pronto a raccogliere questa sfida con il Guerriero, come ha dimostrato attraverso le sue parole rilasciate in esclusiva ai microfoni di Be.Pi.

Da qualche giorno sono iniziati gli allenamenti, come ha trovato la squadra?

“Mi mancano ancora da conoscere due ragazzi, che purtroppo causa covid non ho ancora avuto il piacere di incontrare. Nonostante queste difficoltà ho trovato una squadra giovane e motivata, con voglia di fare e soprattutto di giocare. Mi sembra che l’arma di questa squadra sia la spensieratezza, sicuramente i ragazzi hanno in testa la classifica ma non c’è quella paura o quel timore di giocare e di sbagliare”.

Subentrare in corso d’opera non è mai facile, ancora meno se si subentra in un momento storico come questo, conferma?

“Ovviamente quando si subentra non si prende quasi mai in mano una squadra da vertice, ma si prende una squadra che ha avuto qualche difficoltà. Nonostante questo io l’ho già detto ai ragazzi, non è una situazione critica, la classifica è corta e con una vittoria si possono cambiare gli equilibri. Bisogna solamente compattarsi, lavorare sodo e limare qualche aspetto che può essere migliorato, ricordandoci anche che abbiamo due partite in meno. Ovvio che poi, c’è da considerare anche la situazione che ci circonda, con i continui stop e rinvii che non ci rendono la vita facile. La squadra vuole tornare in campo e ha molto entusiasmo, ma al momento siamo fermi. Credo sia stato giusto interrompere momentaneamente il campionato, perchè comunque ci sono state squadre con defezioni importanti”.

Come è nata la possibilità Fanfulla?

“Appena mi è stata proposta questa piazza, ho accettato subito. Ero alla ricerca di una posizione da allenatore in Serie D e appena sono stato contattato da una società storica e importante come il Fanfulla ho accettato. Volevo partire dalla Serie D perchè credo sia l’ambiente ideale per me, e anche perchè siamo a contatto diretto con i professionisti. Quello che posso dire è che adesso la palla passa a me, devo mettere in campo la mia esperienza sia da calciatore che da allenatore”. 

L’obiettivo del Fanfulla sarà la salvezza, bisognerà compiere un impresa o è un obiettivo alla portata?

“Come ho detto prima credo che la situazione non sia critica. Certo non è delle migliori, ma da questa posizione non si può far altro che migliorare. Considerando poi tutto, penso che ci saranno parecchie difficoltà perchè giocheremo molto spesso e la nostra rosa non è certo delle più lunghe, ma con intelligenza e abnegazione possiamo farcela”.

 

Francesco Nigro

Condividi su
X