Top

Fava: “abbiamo allestito una squadra che potrà essere competitiva ai massimi livelli”

Una società che in questa sessione estiva di calciomercato si è mossa con l’obiettivo di vivere un campionato d’alto livello è senza dubbio la Sanremese, club che da un lato ha confermato alcuni dei protagonisti della scorsa stagione, mentre dall’altro ha fatto approdare in terra ligure diversi giocatori che godono già di una certa fama in Serie D.

Abbiamo intervistato Giuseppe Fava, direttore sportivo della Sanremese, per capire meglio che tipo di stagione bisognerà aspettarsi da parte della formazione di mister Andreoletti. Fava ha innanzitutto spiegato in che modo è stata organizzata la campagna acquisti biancazzurra: “Insieme al presidente abbiamo provato ad accontentare, nel limite del possibile, quelle che sono state le richieste dell’allenatore, credo che il risultato sia più che soddisfacente: abbiamo allestito una squadra che potrà essere competitiva ai massimi livelli. Dal punto di vista dei nomi, senza dubbio hanno fatto più risonanza gli acquisti degli over, basti pensare agli arrivi di Ferrari, Anastasia e Valagussa per esempio. Personalmente credo che il ritorno di Filippo Scalzi sia particolarmente importante, il presidente ha voluto regalare questo colpo al mister. Si tratta di un giocatore nato a Sanremo e cresciuto nella Sanremese, il suo ritorno infatti è stato gradito da tutta la piazza, è un attaccante che in questa categoria ha tutte le carte in regola per fare la differenza. Oltre ai nuovi acquisti però, sono state importanti anche le riconferme di tanti calciatori che nella passata stagione hanno offerto un contributo importante, è per questo che abbiamo deciso di ripartire da loro. Abbiamo costruito una rosa ampia, composta anche da tanti under che vantano diverse presenze in Serie D o in Primavera 1. Per fare in modo che si costruisse un gruppo unito, abbiamo deciso di muoverci sul mercato tenendo conto prima delle caratteristiche umane e poi di quelle calcistiche, senza queste condizioni sarebbe difficile ottenere dei risultati“. Il direttore sportivo biancazzuro ha poi espresso il suo parere in merito alla figura di Andreoletti, allenatore della Sanremese: “La società crede molto nelle capacità del mister, avere Andreoletti in panchina significa possedere un valore aggiunto. Nonostante la sua giovanissima età, si tratta davvero di un ottimo allenatore, poche società possono contare su un mister del genere. In questa preparazione si è già potuto vedere in diverse occasioni come la squadra stia già iniziando a mettere in pratica le richieste di Andreoletti“. Dopodiché, Fava ha prima affrontato l’argomento “obiettivi”, per poi analizzare il tema legato alla tanto attesa pubblicazione dei gironi di Serie D: “L’anno scorso abbiamo raggiunto il quinto posto, quest’anno l’obiettivo minimo sarà quello di fare meglio. Al momento però è difficile fare delle previsioni, non sappiamo ancora se verremo inserito all’interno del girone A, dove il livello tecnico è molto alto, o in quello delle toscane, in cui c’è più agonismo, le partite sono delle vere e proprie battaglia. Tuttavia, non conoscendo nemmeno i nostri avversari è troppo difficile porsi degli obiettivi. Bisogna poi fare un’altra precisazione, è infatti in atto una possibile riforma dei campionati. Si stanno facendo sempre più insistenti le voci riguardanti la composizione della “Serie D élite”, che darebbe la possibilità di salire in Serie C non soltanto alla prima classificata, ma anche alla seconda, la terza e la quarta. Qualora questa riforma dovesse diventare realtà, il nostro obiettivo non potrà che essere quello di entrare nella “Serie D élite”, bisognerebbe dunque piazzarsi tra le prime quattro del girone“.

Emanuele Vento 

Condividi su
X