Top

Folgore Caratese, retroscena Criscitiello: i motivi dell’esonero di Comisso

Il presidente dei brianzoli richiama l’usato sicuro Emilio Longo dopo soli 6 turni

Squadra priva di gioco e atteggiamento da provinciale. Sembrerebbero queste le ragioni dell’esonero di Giuseppe Commisso, ormai ex allenatore della Folgore Caratese. Che in serata ha sollevato dall’incarico il tecnico ex NibionnOggiono per richiamare Emilio Longo.

Il numero uno della Folgore, Michele Criscitiello, parrebbe non aver gradito la gestione di Alma e sopratutto di Lo Faso, in ritardo di condizione e che non ha ancora timbrato il cartellino in stagione. E poi il cambio di modulo da 4-2-3-1 a 4-3-3 con poca spinta da parte dei terzini.

Troppi lanci lunghi rinunciando completamente al gioco dal basso. Pessima gestione dei vantaggi con la squadra che si abbassava troppo e prendeva gol. Per la precisione sono 9 quelli subiti e 8 quelli realizzati, sempre su palla inattiva.

6 gare e 8 punti conquistati: 2 successi, 2 pareggi (l’ultimo nel pomeriggio di oggi con la Virtus CiseranoBergamo) e 2 sconfitte. Numeri deludenti per una società ambiziosa. E il ritorno di Longo, l’usato sicuro per Criscitiello che si riaffida al tecnico salernitano per far decollare la stagione della sua Caratese.

 

Alessio Colombo

 

Condividi su
X