Top

Pavia, grande rimonta nel derby: piegata l’Accademia Pavese

Col carattere e con l’apporto dei subentranti Andrea Lizzio e Giuseppe Bellantoni, il Pavia riesce a ribaltare in extremis un derby sofferto, imponendosi per 43 sul campo di Sant’Alessio contro l’Accademia Pavese. Gli azzurri balzano così subito in vetta al girone 16 della Coppa Italia di Eccellenza lombarda, a pari merito col Varzi che ha battuto 1-0 al “Carlo Chiappano” la Vogherese e che domenica prossima sarà di scena proprio al “Pietro Fortunati” nella seconda giornata.

Primo tempo

Ha visto davvero le streghe, però, la formazione di Nisticò nella prima frazione, colpita a più ripresa dalle feroci ripartenze dei biancorossi, a segno prima con l’ex Serafini, con Catania – nel mezzo, i momentanei pareggi di Noia e di Bahirov – e quindi col nuovo centravanti Catta, chiamato al difficile compito di non far rimpiangere il bomber Alex Romano, passato al Varzi.

Niente male davvero questa Accademia dall’età media giovanissima, che in settimana ha dovuto incassare le inaspettate partenze di tre giocatori-cardine come Filadelfia, Grossi e Giugno. Per il momento è arrivato il solo laterale destro Salcone, ma a breve giungeranno alla corte di Balestra un esterno offensivo mancino e una mezzala di sostanza.

Secondo tempo

Nella ripresa il Pavia – pur senza entusiasmare – ha preso il comando delle operazioni e complice anche il calo degli avversari, provati dagli alti ritmi tenuti per un’ora, è riuscita a ribaltare la contesa con un altro sigillo di Bahirov sotto porta e con un inserimento vincente di Lizzio. In delirio i tanti ultras azzurri rimasti fuori dal centro sportivo di Sant’Alessio per le limitazioni imposte dal coronavirus.

                                                                                                                                                                               Matteo Montagna

Condividi su
X