Top

Pavia, intrigo Bahirov: il giocatore vuole restare, si cerca l’accordo col Real Calepina

Che Stanislav Bahirov fosse un top player per l’Eccellenza si sapeva. A dimostrarlo bastavano le sue prestazioni con il Pavia. Arrivato nello scorso dicembre, in poco più di un mese, prima dell’interruzione dei campionati, ha fatto in tempo a segnare 4 gol in 6 partite. Praticamente una macchina perfetta che prima del Covid stava cambiando la stagione dei biancazzurri.

La trattativa

D’altra parte il curriculum parla chiaro. Prodotto del settore giovanile dello Shakthar Donetsk, il classe 1998 nel 2016 approda al Padova per provare un’esperienza all’estero e sfuggire alla guerra in Ucraina. Dopo le prime uscite molto convincenti, il bomber si rompe il crociato ed è costretto a saltare tutta la stagione. Non trovando spazio in Serie C con i biancoscudati, sceglie di scendere di categoria, accasandosi all’Atletico Chiudono. Con i bergamaschi rimane per due anni e mezzo, andando anche in prestito a Crema e a Caravaggio.

Nel mercato di riparazione 2019, ecco la svolta Pavia, sempre in prestito. «Il giocatore vuole rimanere in città» spiega il direttore sportivo Ettore Menicucci. «Per ora si sta allenando con noi e siamo fiduciosi che l’affare possa concludersi presto». La fusione tra Atletico Chiudono e Telgate, che hanno dato vita alla Real Calepina, ha rallentato la trattativa. L’ucraino ha ancora un anno di contratto con la Real, fino al giugno 2021. Tra le due società c’è ancora un po’ di distanza, ma la volontà dell’attaccante potrebbe giocare un ruolo decisivo. Nel frattempo, però, altri club si sono interessati all’ucraino. L’ Ardor Lazzate da tempo ha trovato l’accordo con la Real, e negli ultimi giorni si è inserita anche la Vogherese. Un interesse che a Pavia sperano possa rimanere solo sulla carta, perché per recitare un ruolo da protagonista la squadra di Fabio Nisticò ha bisogno di Bahirov.

Condividi su
X