Top

Il preview del week-end di Serie D: torna in campo il Legnano, Crema all’esame Caravaggio

Saranno cinque i recuperi del week-end nel girone A di Serie D. Tra i match più interessanti c’è sicuramente quello tra Lavagnese e Legnano. Il lilla scendono in campo dopo più di un mese e dovranno vincere se vogliono risalire in fretta la classifica e avvicinarsi alle posizioni play-off. Torna a giocare anche il Casale, impegnato al “Provasi” contro la Castellanzese, in una gara che qualche settimana fa sembrava non dovesse mai disputarsi. Ci sarà poi da vedere se il Città di Varese avrà trovato quella continuità chiesta a gran voce dall’allenatore David Sassarini. I biancorossi se la vedranno in casa contro un Vado desideroso di riscattare la sconfitta con il Pont Donnaz.

Rivincita varesina

Riscatto è la parola chiave anche per Caronnese e Castellanzese. I rossoblù di Gatti vogliono un successo che permetterebbe loro di accorciare sulla testa della classifica e dare una svolta a un’inizio di stagione un po’ altalenante, ma si troveranno di fronte un’Imperia molto in forma. I neroverdi di Achille Mazzoleni, invece, hanno ancora negli occhi le beffe con Lavagnese e Gozzano e il match contro il Casale, ultimo in classifica, può essere l’occasione giusta per staccarsi definitivamente dalla zona play-out. È quasi un testa coda, infine, la sfida tra Derthona e Fossano. I bianconeri rientrano dopo tre settimane a Tortona e con una vittoria si poterebbero a quota 14 punti, a due sole lunghezze dalla coppia di testa, Pont DonnazBra. I piemontesi, d’altro canto, dopo essersi visti rinviare diversi impegni causa Covid, si augurano di centrare quei tre punti che darebbero un nuovo volto al loro campionato.

Il girone B 

La gara forse più interessante del week-end di Serie D lombardo, però, andrà in scena a Caravaggio, dove domenica arriva il Crema. I padroni di casa sono ancora imbattuti, ma hanno disputato solo quattro partite. La squadra di Dossena, che ha tre punti in più dei bergamaschi, con una vittoria potrebbe anche prendersi la testa della classifica, se il Seregno non dovesse battere in trasferta il Ponte San Pietro. Gli uomini di Franzini vorrebbero ovviamente scongiurare quest’ipotesi. Il match sulla carta non sembra complicato, ma i blues non vedono l’ora di regalare la prima gioia al neo allenatore Curioni.

Condividi su
X