Top
Lariointelvi

Prima B – Espulsione, anzi no! Lariointelvi ritira la squadra: “Vogliamo rispetto”, l’Esperia Lomazzo replica

Clamoroso epilogo nella partita tra Lariointelvi ed Esperia Lomazzo. Nella sfida valida per la terza giornata del girone di ritorno, infatti, i padroni di casa, sotto 4-2 nel punteggio hanno deciso di ritirare la squadra dal campo per una decisione arbitrale che ha dell’incredibile.

 

I fatti – Portiere espulso e poi richiamato sul campo

Durante il secondo tempo la partita viene sospesa per una ventina di minuti, non per le avverse condizioni del campo (causa neve si vedevano poco le righe) bensì per nebbia e la scarsa visibilità. Tornati in campo, sul 4-2 per l’Esperia Lomazzo, viene fischiato il contatto tra un attaccante del Lariointelvi e il portiere dell’Esperia. Il direttore di gara fischia il rigore e la conseguente espulsione del portiere, ma successivamente il numero uno torna sul terreno di gioco e la Lariointelvi decide di ritirare la squadra.

 

Mario Pozzi: “Mai visto niente di simile, vogliamo dignità e rispetto”

In diretta al nostro telegiornale è intervenuto il presidente onorario della Lariointelvi, Mario Pozzi: “In quarant’anni di calcio non ho mai visto niente di simile. Quando ho visto il loro dodicesimo venire verso gli spogliatoi insieme a un loro dirigente, pensavo fosse per prendere i guanti. Invece il direttore di gara non solo aveva invertito la decisione del fallo (dal rigore al fallo in favore del Lomazzo), ma di fatto ha permesso al portiere di rientrare. Quando l’abbiamo interrogato, ha negato ma ha ricambiato la sua versione subito dopo”. Da lì la decisione di ritirare la squadra dal campo: “Il nostro allenatore (Federico Brenta, ndr) mi ha guardato per ritirare la squadra. Era troppo anche per noi. C’era frustrazione”. E per il prosieguo del campionato: “Giovedì o venerdì avrò un incontro con il presidente regionale e con il presidente degli arbitri. Siamo consapevoli che avremo sconfitta a tavolino e ammenda, non importa, vogliamo solo dignità e rispetto. Altrimenti andiamo a giocare a briscola”.

 

Replica Lomazzo: “Nessun nostro dirigente si è alzato dalla panchina”

Luca Rossetti, vicepresidente dell’Esperia Lomazzo, dice la sua su quanto successo domenica pomeriggio: “Nessun nostro dirigente è andato negli spogliatoi per richiamare il nostro portiere. È stato il nostro secondo che lo ha fatto, interpretando male evidentemente le parole dell’arbitro. Il direttore di gara è ritornato sì sulla sua decisione, ma solo riguardante il fallo da rigore. Il nostro portiere era stato espulso per un fallo di reazione. L’arbitro voleva il cambio e da lì è partito tutto. Confermo quanto successo, ma da parte nostra c’è sempre stata coerenza. Abbiamo aspettato poi sul campo, poi siamo rientrati anche noi negli spogliatoi”.

Condividi su
X