Top

Prima Categoria A – Aurora Cerro Maggiore Cantalupo: una neopromossa fra le big

Aurora Cerro Maggiore Cantalupo: una sorpresa “non sorpresa”

La vera sorpresa del girone A di Prima Categoria è certamente l’Aurora Cerro Maggiore Cantalupo. Squadra neopromossa, in 18 gare disputate ha collezionato 32 punti, piazzandosi al quarto posto in mezzo alle solite “Big” (9 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte).

E chi se lo aspettava?
Sicuramente Roberto Corio, direttore sportivo dell’Aurora, di dubbi ne aveva ben pochi già ad inizio stagione: «Come detto da mister Senziani in più occasioni, noi da inizio campionato sapevamo di avere una macchina da guerra per la categoria. È vero, abbiamo tante individualità forti, ma la forza del gruppo fa minimo il 40% del lavoro, di questo ne sono convinto; basti pensare a quanti ragazzi abbiano deciso di sposare la causa sin da subito. Siamo una società sana, con strutture adeguate e con persone e collaboratori qualificati, dal preparatore dei portieri al fisioterapista. Una Prima Categoria veramente attrezzata, e sicuramente anche questo contribuisce a rendere più forte e sicura la squadra».

 

Corio: «Un punto di forza? Giochiamo un bel calcio»

L’Aurora aveva chiuso il girone d’andata in testa alla classifica, a pari punti con il Cas Sacconago, e nelle ultime tre partite ha raccolto due punti, frutto dei pareggi con Union Tre Valli e Antoniana: «Noi, assieme a Valceresio e Vanzaghellese, siamo una di quelle squadre che gioca bene a calcio, e la dimostrazione si è vista nelle tre gare del girone di ritorno, con la Folgore non abbiamo mai mollato, mentre con Tre Valli e Antoniana siamo stati in grado di ribaltare la situazione dopo andati sotto».

 

Nelle prossime due per l’Aurora è vietato sbagliare

Le prossime due sfide dell’Aurora saranno con Vanzaghellese e Gorla Maggiore: «Queste sono partite – continua Roberto Corio – che vorremmo giocare tutti, qualsiasi addetto ai lavori scenderebbe in campo per una partita simile. Noi abbiamo pochissimo margine di errore, soprattutto dobbiamo migliorare nel primo tempo, che ci ha penalizzato con l’Antoniana».
Per quanto riguarda le candidate al titolo il ds conclude: «Oltre a noi premio Valceresio e Vanzaghellese soprattutto per gioco dimostrato e posizione in classifica; anche il Cas merita ma, a mio avviso, è un po’ penalizzato dal campo. Tutto sommato credo che le prime sei siano quelle che si giocheranno il tutto per tutto».

 

Martina Crosta

Condividi su
X