Top

Sangiuliano, il presidente Luce: serviva una scossa

E’ successo tutto in fretta, con il presidente Giovanni Luce che ha deciso di dare uno scossone all’ambiente gialloverde: <Premesso che è stata una decisione sofferta e per nulla semplice – spiega il patron del Sangiuliano – perché con Tommaso Papa (che in nove partite totali ha raccolto 7 vittorie, un pareggio e una sconfitta, ndr) il legame è forte e continuerà ad esserlo indipendentemente da quello che è successo, anzi gli auguro un futuro radioso e ricco di soddisfazioni, perché se lo merita. Tuttavia ho visto che però ultimamente il gruppo stava un po’ perdendo colpi e considerato che il campionato non ammette altri margini di errore, ho preferito dare questa svolta alla stagione. Non è la sconfitta di domenica scorsa a Codogno che ha determinato questa scelta, come ho letto da qualche parte, piuttosto ho cercato di dare una svolta subito e non perdere altro tempo, perché non c’è tempo in questa situazione. Sappiamo bene quale sia il nostro obiettivo – conclude Luce – e dobbiamo fare di tutto per raggiungerlo>. Da parte sua il neo tecnico Paolo Crucitti, dopo l’esperienza con il Busto ’81 con cui nella passata stagione ha centrato la vittoria proprio del campionato di Eccellenza, nel Girone A, non nasconde la propria soddisfazione per la nuova avventura: <Il presidente Luce mi ha dato questa grande opportunità e sono ovviamente molto contento di essere qui – le sue prime parole da nuovo tecnico gialloverde – mi è bastato parlare pochi minuti con lui per capire la sua grande voglia di vincere che poi è anche la mia. Questo è infatti il motivo per cui sono qui. Il tempo è poco per cui bisogna preparare subito la prossima gara>. Ex calciatore professionista con le maglie di Ternana, Messina, Reggina, Potenza, Pro Sesto, Lugano e Pavia, tra le altre, Crucitti, classe 1963 ha quindi vissuto le esperienze da allenatore con il settore giovanile di Nervianese e Legnano, prima di passare in prima squadra con Pero, Ossona, Folgore Legnano, Busto 81, Rhodense, Solaro, Busto ’81, con cinque campionati vinti alle spalle, ora cerca di riconquistare la Serie D con il Sangiuliano.

Andrea Grassani

Condividi su
X