Top

Sant’Angelo Eccellenza, Riccardo Vaglio è l’uomo del momento: «La nostra tifoseria merita palcoscenici più importanti»

Riccardo Vaglio è indubbiamente l’uomo del momento nel girone B di Eccellenza. L’esterno classe 1993 sta facendo le fortune del Sant’Angelo di mister Gatti, e domenica ha deciso in modo non banale la super sfida con l’Offanenghese. Doppietta personale e terzo gol in due partite, un bottino importante per un giocatore duttile che può ricoprire più ruoli in campo. Abbiamo avuto il piacere di parlare con Riccardo Vaglio, che ci ha spiegato meglio la situazione di questa stagione svelandoci anche qualche retroscena sulla sua carriera.

L’esterno offensivo ex Monza e Sampdoria, ha analizzato con lucidità il momento del suo Sant’Angelo«Stiamo facendo bene e di questo siamo contenti. Domenica eravamo chiamati a vincere per non perdere il contatto con la vetta della classifica e siamo riusciti a farlo. Credo che la società abbia creato una rosa stratosferica, certo è che poi i risultati bisogna ottenerli sul campo. Credo che sia giusto ambire alla promozione, detto questo poi starà a noi dimostrare in campo il nostro valore sbagliando il meno possibile».

Riccardo Vaglio ha parlato anche della sua doppietta: «Domenica ho giocato nel tridente offensivo ed è logico che si possa trovare il gol con più facilità. Sono felice della doppietta e del quarto gol in campionato ma preferisco concentrarmi sul gruppo e sul collettivo. Abbiamo giocato bene e stiamo giocando bene, continuando così i risultati arriveranno presto. Siamo obbligati a pensare in grande non ci nascondiamo, ma dico la verità, quando penso ad una piazza come Sant’Angelo, mi fa quasi ridere pensare che sia solo in Eccellenza. La tifoseria è qualcosa di veramente spettacolare e credo che meriti di più di questi palcoscenici. Noi ci proveremo fino alla fine e poi tireremo le somme».

Il centrocampista offensivo rossonero ha fatto anche il punto sulla sua carriera, sempre giocata sui campi di Serie D ed Eccellenza«Questo è il mio terzo anno a Sant’Angelo e devo ammettere che qui sto trovando la mia dimensione ideale. Guardando al futuro mi vedo ancora qui tra qualche anno, magari però in Serie D. Parlando del mio passato calcistico ricordo con piacere l’esperienza di Merate in Eccellenza culminata con 22 gol stagionali. Poi sicuramente anche quelle di Darfo con 8 gol, passando per Crema e Sondrio. Posso dire che la mia carriera fin qui me la sono vissuta al massimo, nonostante qualche piccola sfortuna».

Vaglio ha proseguito spiegando cosa intenda con piccola sfortuna: «Sono cresciuto nel Monza, e dopo 10 anni sono andato a giocare nella Sampdoria con gli Allievi Nazionali. Purtroppo però, la mia esperienza è durata poco perchè la mancanza di casa si faceva sentire, e quindi sono tornato indietro. Ogni tanto mi viene da chiedermi cosa sarebbe potuto essere se avessi continuato a Genova, ma alla fine sono lo stesso entusiasta del mio percorso. Poi a Lecco, sono stato fermato da un infortunio che mi sono portato dietro per parecchio tempo e mi sono quindi giocato la chance di giocare in C2. Un peccato se ci ripenso, però alla fine anche questo fa parte del calcio».

Infine Riccardo ha ancora elogiato la piazza Sant’Angelo«Pensare che una piazza così calda e importante giochi in Eccellenza mi fa strano. La società è forte, la squadra anche, ma i tifosi sono la vera arma in più. A trovarne di supporters come i nostri. Per questo penso che anche noi come squadra dobbiamo provare a fare uno sforzo in più, sia per noi stessi sia per la gente che ci segue sempre».

 

Francesco Nigro

Condividi su
X