Top

Seregno, che stangata: penalizzazione e inibizione per tre membri della Big One Energy

Non si placa la tempesta in casa Seregno dopo i provvedimenti del tribunale federale della Figc. Come riporta il Cittadino, la decisione riguardante la penalizzazione di due punti in classifica ha effetto immediato, alla quale si sommano le inibizioni inflitte a tre membri della Big One Energy, proprietaria del Seregno.

Come cambia la classifica

La decisione è arrivata in data lunedì 5 dicembre e ha stabilito che il Seregno Calcio dovrà scontare la penalizzazione di due punti in classifica in questa stagione. Una classifica che passa dunque dai 17 punti attuali a 15, per una squadra che vede avvicinarsi sempre di più la zona play out, dove in questo momento si trovano Desenzano, Città di Varese, Real Calepina e Caronnese, con Sona e Breno in zona rossa, ma immediatamente dietro in termini di punti.

Seregno che non trova la vittoria da praticamente un mese, quando ottenne i tre punti in casa contro il Franciacorta. Da quel momento il bilancio è più che negativo, con un solo punto ottenuto nelle ultime quattro, arrivato nella scorsa giornata nello 0-0 di Sona. Prima di domenica scorsa si sono susseguite tre sconfitte con Casatese, Alcione Milano e Varesina che hanno decisamente allontanato la squadra del nuovo tecnico Sala dalla parte alta della classifica. Una situazione difficile e che anticipa le ultime tre gare dell’anno contro tre squadre dietro al Seregno, ovvero Real Calepina, Breno e Desenzano.

Se la crisi del Seregno è evidente, le squadre dietro in classifica sono apparse in crescita nell’ultima giornata, date le vittorie di Città di Varese e Desenzano e il pareggio della Real Calepina contro l’Alcione, attualmente secondo in classifica. Per questo motivo le sfide che verranno saranno ancora più delicate da affrontare e rappresentano uno snodo cruciale della stagione.

Preoccupa anche la situazione legata al mercato, che da una parte ha visto l’entrata di quattro nuovi giocatori (Matteo Cattaneo dalla Caronnese, Simone Eberini e Michel Panatti dal Sant’Angelo, Antonio Magli dal Sona), mentre dall’altra la separazione con 8 elementi della rosa, tra i quali i due giocatori più prolifici fino a oggi, ovvero Felleca e Diop, oltre al difensore Giusto Priola passato al Chieri.

Inibizione a tre figure della Big One Energy

Il collegio presieduto da Carlo Sica ha inflitto due mesi di inibizione a Dario Cascione, quattro mesi a Giorgio Coviello e sei mesi ad Alessandra Carinci, le quali sono tutte figure connesse alla Big One Energy, nonché società proprietaria del Seregno Calcio.

Le possibili motivazioni

Il motivo delle decisioni non è esplicitato, ma l’ipotesi del Cittadino
riguarda il ritardo nel pagamento ai tesserati della mensilità di giugno, mentre un’altra ipotesi è legata alla mancata presentazione di una documentazione esauriente agli organi federali, nel momento in cui la Big One Energy rilevò la proprietà da Davide Erba, estraneo ai fatti.

Christian Spada

Condividi su
X