Top

Serie D | Seregno frena ancora, zampata NibionnOggiono

SEREGNO-NIBIONNOGGIONO 0-1

Reti: st 6’ Tremolada

SEREGNO (3-5-2): Galimberti 7; Ferrari 6, Tomas 6.5, Mantegazza 5.5; Invernizzi 5, Bonaiti 5.5, La Camera 6, Gazo 5.5 (26’ st Artaria 6), Zoia 6.5; Lucatti 5.5, Louati 5 (28’ st Blazevic 6). A disp.: Barlocco, Lazzaroni, Luoni, Clerici, Labas, Valsecchi. All.: Gjorgiev 5.

NIBIONNOGGIONO (4-4-2): Guarino 6; Panzeri 6, Perego 6, Premoli 6.5, Gambazza 6.5; Tremolada 7.5 (26’ st Citterio 6), Losa 6, Arrigoni 6, Iori 6 (31’ st Tagliabue ng); Isella 6.5, Mair 6 (7’ st Giugliano 6). A disp.: Vinci, Redaelli, Basanisi, Aga, Castria, Donadio. All.: Commisso 7.

Arbitro: Gangi di Enna.

SEREGNO – NibionnOggiono c’è, Seregno ancora no: decide Tremolada. Difese incerottate causa squalifiche: Borghese e Gregov da una parte, Pirola e Tocci dall’altra. Più Seregno: subito una punizione pennellata da La Camera out di un pelo sul primo palo, mentre al quinto Arrigoni rischia grosso a contatto con Bonaiti in area (e in uscita) e al quarto d’ora piovono due conclusioni da fuori e fuori di poco. Chance al 17’: La Camera apre, Zoia centra, Lucatti gira bene ma centrale. I blues alternano sprazzi di manovra ariosa a verticalizzazioni, mentre il NibionnOggiono soffre l’inferiorità numerica al centro, non ingrana in possesso e stenta a innescare esterni e punte. Primo squillo alla mezz’ora con un guizzo di Iori chiuso da un colpo largo da fuori, risposta immediata nella stoccata alta firmata Gazo. Il 3-5-2 seregnese diventa spesso 4-4-2 (con Zoia su Tremolada e Ferrari su Iori). Leggero calo fisico però ed ecco gli ospiti: palla in profondità di Mair per Tremolada che la lavora bene defilato, alza i giri accentrandosi e mette fuori di un soffio in caduta. Dall’altra Louati chiede un rigore su Perego accendendo le proteste tribuna. In chiusura, invece, Gambazza perentorio e tocco dietro per Isella che strozza però il colpo.  Si riparte col vantaggio ospite: gran palla dentro per Iori che entra in serpentina e calcia, Galimberti c’è ma non può nulla sul tap-in bruciante di Tremolada. Colpo e quasi bis, perchè Isella cambia e Iori scialacqua al volo dal cuore dell’area. NibionnOggiono che allunga i tempi, Seregno che sembra in debito d’ossigeno. Gran rischio in contropiede peraltro: coast to coast di Tremolada che appoggia in piena area, ma il raddoppio è gettato alle ortiche per due volte con Galimberti che s’immola. Seregno è scosso, lungo, appannato. Cambio Gjorgiev allora: su il baricentro con Artaria e Blazevic. Funziona più di nervi: incornata alta in mischia, poi palla dentro di Zoia e girata a fil di palo di Lucatti. Nel recupero gol annullato al Seregno su corner, sempre dalla bandierina Mantegazza incorna e sfiora il pari. Finisce così: col NibionnOggiono a ritrovare la vittoria dopo 8 partite, col Seregno senza tre punti da 10 gare (8 pari).

LE ALTRE

Levico-Legnano 0-1 1’ Cocuzza.

Pro Sesto-Dro 0-2 29’ Proietto (D), 17’ st aut. Carullo (P).

CLASSIFICA

Pro Sesto* 44, Legnano* 41, Scanzo 38, Folgore Caratese 33, Seregno*, Sondrio, Arconatese 32, Tritium, Brusaporto 31, NibionnOggiono* 28, Virtus CGB 26, Ponte 24, Caravaggio 22, Virtus Bolzano, Castellanzese, Villa Valle 21, Levico* 19, Dro* 15, Milano City 14, Inveruno 13.

Luca Mignani

Condividi su
X