Top

Eccellenza | Martinoia salva l’Alcione in extremis e il Settimo rimanda ancora la gioia per la vittoria

SETTIMO-ALCIONE 1-1

SETTIMO: Colombo 5.5, De Lucia 6, Di Biase 6, Coppini 6, Tomassone 6.5, Becchi 6, Cesana 6.5 (48’ st Alberido sv), De Grandi 5.5, Anelli 6, Moretti 6 (33’ st Annoni sv), Petrolà 5.5 (42’ st Fulciniti sv). A disp. Sburlati, Spaggiari, Alberido, Di Benedetto, Cozzi, Pacchieni, Pesca. All. Molluso.

ALCIONE: Festinese 5, Tresca 6 (33’ st Melogli sv), Aramini 5.5, Torrisi 6.5, Caon 6, Martinoia 7, Adorni 5.5 (15’ st Laraia 6), Moratti 5.5, Cicogna 6 (28’ st Cortesi 6), Zingari 6 (47’ st Pavia sv), Remuzzi 6. A disp. Angeleri, Zirafa, Arosio, Carlone, Pavia, Melogli, Braga, Laraia, Cortesi. All. Berti.

ARBITRO: Evangelista di Treviglio.

MARCATORI: 14’ st Tomassone (S), 44’ st Martinoia (A).

AMMONITI: Zingari (A), Coppini (S), De Lucia (S), Petrolà (S), Aramini (A)

ESPULSO: 44′ Berti (allenatore dell’Alcione) per proteste

SETTIMO MILANESE – Un punto per uno  tra Settimo e Alcione, un punto che soddisfa di più gli arancioblu per come arrivato. Settimo, invece, si mangia le mani, rimandando ancora una volta la vittoria che manca ormai da sei partite.

Primo tempo caratterizzato da buone trame ma anche da tanta sfortuna. Su tutte quella che attanaglia il Settimo, con i padroni di casa che poco prima della mezzora colpiscono un palo con un tiro da fuori di Becchi e poi una traversa con colpo di testa di Anelli. Nel mezzo anche il volo di Festinese sulla punizione di Coppini. Alcione non sta a guardare, Martinoia è indemoniato in mezzo al campo e Zingari è il leader offensivo di una squadra che però fatica a impensierire veramente il portiere avversario.

Emozioni e gol nella ripresa, il Settimo attacca la partita e trova il vantaggio con il colpo di testa vincente di Tomassone. Evidente, però, l’errore in uscita alta di Festinese che spiana la strada al centrale. Settimo che prova a chiuderla, ma che fatica nella gestione di alcune ripartenze. L’Alcione, dal canto suo, si iscrive all’albo della sfortuna con la clamorosa doppia traversa nella stessa azione. Ma nel convulso finale Martinoia trova il pareggio in mischia, che dà continuità all’Alcione.

Paolo Andrea Zerbi

Condividi su
X