Top

Tritium Serie D, la Tritium è ufficialmente regina incontrastata del mercato. La nuova proprietà ha svolto un lavoro coi fiocchi

La Tritium targata Marco Foglia si è presa la scena negli ultimi 3 mesi di mercato, mettendo a segno la bellezza di 26 colpi da quando, a fine ottobre, la nuova proprietà si è insediata a Trezzo sull’Adda. Un lavoro delicato e impegnativo, volto soprattutto a cercare di migliorare l’organico dei biancocelesti per centrare il prima possibile l’obiettivo salvezza. La Tritium ha rivoluzionato tutta la rosa, e gran parte del merito va sicuramente al direttore sportivo Vito Cera, un vero e prorio maestro del mercato. Riviviamo insieme alcuni passi dell’intensa campagna di mercato dei biancocelesti.

Sicuramente la nuova proprietà si è presentata con fame e voglia di fare, accompagnati da ambizioni importanti e base solide. Tutto questo viene incarnato alla perfezione dalla figura del Presidente Marco Foglia, del Direttore Generale Giuseppe Pardeo e del DS Vito Cera. Gli sforzi della società sono stati evidenti, sia sul mercato che in ottica societaria, a cominciare dai lavori di ristrutturazione dello stadio passando per la comunicazione societaria e tanto altro ancora.

Tuttavia ciò che ruba maggiormente l’attenzione è sicuramente il grande lavoro svolto dai biancocelesti sul mercato. Tra i colpi più importanti dei 26 messi a segno dalla Tritium, non può che esserci in prima posizione Giacomo Fabiani, difensore centrale arrivato a Trezzo nel mese di Novembre e diventato ben presto capitano e pilastro della squadra grazie alla sua leadership e alla sua grande professionalità.

Altro colpo di primissimo livello che ha gettato le basi per un ottimo lavoro è stato quello di Filippo Franchi, esterno classe 1998 arrivato a Trezzo direttamente dai professionisti. Sempre nel mese di Novembre spiccano gli acquisti di diversi under, come Salami, Vincenzi, Lamberti  e Guida, calciatori giovani che hanno ricreato la struttura da cui ripartire per il futuro.

A dicembre poi, la sete di mercato non si è certo placata per il DS Vito Cera e per tutta la società. che ha cercato di rendere la rosa il più forte e omogenea possibile. Il progetto biancoceleste ha previsto infatti l’inserimento dei fratelli De Stefano e dell’esperienza a centrocampo di Luca Di Lauri, passando poi per puntellare l’attacco con l’ex Serie A Francesco Verde e con uno dei giovani attaccanti più promettenti in tutta la categoria, Antonio Orefice. In chiusura di 2021 poi, non è mancato il colpo in difesa, con Meregalli che è arrivato a Trezzo con alle spalle più di 200 presenze in Serie D e più di 40 in C.

Con l’avvento del 2022 la Tritium ha continuato a spingere, mettendo sotto contratto il Bomber Michael Traini, il centrocampista offensivo Corioni  e Devis Talarico. Oggi la bomba è stata sganciata, con Stefano D’Agostino che è ufficialmente un nuovo calciatore della Tritium. Si tratta del colpo numero 26 per la nuova proprità trezzina, che grazie a questo acquisto si proclama ufficialmente regina del mercato.

Gli sforzi della società ci sono stati e sono sotto gli occhi di tutti, adesso la parola passa al campo, dove la Tritium dovrà provare a strappare al più presto la salvezza.

 

Francesco Nigro

 

Condividi su
X