Serie B femminile: impresa Tavagnacco con la Ternana, è di Boldrini la perla di giornata. Le migliori del 18^turno

Si chiude il 18^ turno di Serie B Femminile e ora spazio alle Nazionali. Nella domenica di Serie B, uno stoico Tavagnacco ha fermato la Ternana sullo 0-0 e la Lazio, battendo l’Arezzo, è tornata in vetta a 47 punti. Dietro di loro c’è sempre il Cesena che si regala un pomeriggio indimenticabile superando il Bologna nel derby dell’Emilia Romagna davanti ai propri tifosi. Il Parma torna a vincere e lo fa nel migliore dei modi con una prestazione ottima: cinque goal al Brescia e quota 37 punti raggiunta. Nelle zone più basse di classifica sono diverse le protagoniste: da Burbassi a Boldrini, che con le rispettive doppiette hanno portato un punto a Freedom e Res. A Ravenna, invece, De Matteis fa scattare la festa con il goal al 95′, ma da sottolineare la prestazione di Papaleo che trova la rete dell’1-1 e si rende determinante.

Impresa Tavagnacco contro la Ternana

Ieri il Tavagnacco ha guadagnato un punto contro la capolista Ternana e si è portato così a nove in classifica, a -3 dalla San Marino Academy e 4 dalla Freedom. La gara di ieri ha segnato un “record” in questa stagione: è stata la prima partita in cui la Ternana non ha segnato. Il miglior attacco della Serie B è rimasto a secco e il merito va sicuramente anche a Giulia Sattolo. L’estremo difensore, classe 2004, ha mostrato grande attenzione e si è rivelata provvidenziale quando è stata chiamata in causa. Le friulane, dopo le due pesanti sconfitte con Brescia e San Marino Academy, tornano a fare un punto in un match che si presentava quasi come una “mission impossible”. Una gara che potrebbe segnare uno switch da qui alla fine del campionato per provare a raggiungere la salvezza.

Lonati: entra e spacca la partita

Entrare dalla panchina e farlo nel modo giusto: Gaia Lonati ha poco più di venti minuti a disposizione e fa tutto ciò che può. Al 77′, cinque minuti dopo il suo ingresso, segna di testa, complice anche un tocco di schiena di un’avversaria, poi dopo pochi minuti serve il primo assist a Gaia Milan. L’asse Lonati-Milan è ancora vincente al 92′ quando la classe 2004, di proprietà dell’Inter, arriva di corsa sulla fascia di destra e mette al centro per Milan che non sbaglia e firma la manita del Cesena. Una prova impeccabile per le ragazze di Alain Conte in una giornata speciale: al termine della gara la società bianconera ha ricordato Marco Pantani a vent’anni dalla sua scomparsa.

Double Burbassi e Boldrini: la classe delle 2001

Sono loro a decidere la partita e sono senza dubbio le migliori della partita e delle rispettive squadre. La prima ad iscriversi sul tabellino dei marcatori è la centrocampista della Res Arianna Boldrini: la classe 2001 riceve l’assist di Nagni e porta in vantaggio le giallorosse a pochi secondi dalla fine del primo tempo. Ad inizio ripresa è sempre lei la protagonista: al 54′ vede un po’ di spazio, avanza sulla trequarti e trova una perla dai 25 metri. La Freedom, però non molla, e rimonta lo svantaggio grazie ad una delle giocatrici chiave di questa squadra: Giada Burbassi. L’attaccante classe 2001 si carica sulle spalle la squadra e in due minuti (81′ e 83′) pareggia i conti regalando un punto importante alle sue. Burbassi incarna perfettamente lo spirito della nuova Freedom targata Michele Ardito.

Ferrandi e Zecchino nei top goal di giornata

Ferrandi per la Lazio contro l’Arezzo, Zecchino per il Pavia contro il Ravenna segnano con due grandi conclusioni, che hanno però esiti diversi nei rispettivi match. La rete della laziale sigla il 4-0 definitivo e per Ferrandi si tratta della quarta marcatura in campionato, dove, ci ha abituato solo a gol di grande qualità. Per Giulia Zecchino si tratta della prima rete in campionato: un bel gol che porta le sue sul 2-1, gioia strozzata solo nel finale dal pareggio del Ravenna in extremis. L’ingresso della centrocampista, classe 1998, porta qualità e quantità al Pavia, che dopo la sosta affronterà un match delicato con il Tavagnacco.

 

Asia Di Palma

Il Cesena si aggiudica il derby con il Bologna siglando cinque reti: le pagelle

Il Cesena parte subito forte e apre le marcature con Sechi, ma il primo tempo si chiude sull’1-0. Le bianconere dilagano poi nel finale: al 73′ il raddoppio porta la firma di Jansen, dopo pochi minuti timbra il cartellino anche Lonati. Il Cesena segna anche la quarta e la quinta rete con Gaia Milan, subentrata al 79′, fa doppietta in dieci minuti. Il Bologna si ferma dopo tre vittorie consecutive e rimane a 23 punti.

Cesena Femminile

SERAFINO 6+
-Di certo non il pomeriggio più complicato della sua carriera, ma alle poche occasioni create dal Bologna risponde sempre presente. Molto brava nel primo tempo ad opporsi prima a Kustrin e poi a Farina.

CASADEI 6.5
-Dà continuità al suo ottimo periodo di forma con un’altra buona prestazione: contrasti vincenti e continue sovrapposizioni che in più di un’occasione hanno messo in difficoltà la retroguardia del Bologna

D’AURIA 7
-La partita di oggi la vede molto impegnata in fase di impostazione dove si rende protagonista di numerosi passaggi completati. In fase difensiva la solita prestazione autorevole, senza sbavature.

GROFF 6.5
-Gioca sempre con grande attenzione, limitando al meglio le incursioni offensive di Kustrin e compagne.

COSTA 6.5
-Ritrova la titolarità dopo oltre un mese e negli 80 minuti giocati dimostra una buona condizione atletica. Molto propositiva in fase offensiva e difensivamente solida.

LAMTI 7
-La sua intelligenza tattica le permette di essere sempre al posto giusto nel momento giusto. Arriva sempre per prima sulle seconde palle, conquistando svariati palloni. Ordinata ed efficace in fase di possesso.

MAK 6.5
-Corre instancabilmente per 90 minuti giocando una partita di grande intensità. Partecipa efficacemente ad entrambe le fasi.

TAMBORINI 6+
-Poco coinvolta nella prima parte di gara, la sua prestazione migliora sul finale di primo tempo. Si abbassa spesso per ricevere palla, giocando tanti palloni spalle alla porta. Gioca bene nello stretto dimostrando buona affinità con le compagne di reparto.

NANO 7
-Approccio perfetto alla gara, con le sue accelerazioni abbinate al delizioso controllo di palla crea diverse occasioni pericolose nel primo tempo. Nel secondo tempo dopo l’uscita dal campo di Costa viene spostata in difesa come terzino sinistro con ottimi risultati dimostrandosi duttile.

JANSEN 7
-Conte le lascia ampia libertà di movimento e lei lavora molto bene soprattutto nei movimenti senza palla. Presenza fissa in area di rigore, si rende più volte pericolosa prima di trovare il gol del momentaneo 2-0. Con quello di oggi sono 10 in campionato, a riprova della sua ottima stagione.

SECHI 7
-Se qualcuno si stesse domandando se Sechi abbia segnato anche oggi, la risposta è “Si”. Scherzi a parte, impiega solamente 45 secondi per aprire le marcature, appoggiando in rete dopo una mischia in area di rigore. Nel primo tempo va vicina alla rete in altre due occasioni, ma entrambe le volte viene fermata da Lauria. Gioca perlopiù di sponda, spalle alla porta, dimostrando buona intesa con le compagne di reparto.

LONATI 7.5
-Entra dalla panchina e spacca la partita: subentra a Tamborini al 72° minuto sul risultato di 1-0 e nel giro di 20 minuti mette a referto un gol e due assist deliziosi per Milan: definizione di “giusto atteggiamento”.

MILAN 7
-Entra al 79° e con poco più di 10 minuti a disposizione sigla la doppietta personale. In entrambe le occasioni insacca da pochi passi, ricevendo palla da Lonati.

GALLI, CALEGARI S.V.

All. CONTE 8
-Un derby a senso unico, con le bianconere che grazie ad un altro approccio alla gara strepitoso trovano il vantaggio dopo solamente 45 secondi. Il baricentro molto alto e il pressing costante nella metà campo avversaria non danno modo al Bologna di rendersi pericoloso. Le rossoblu resistono agli assalti dell’offensiva bianconera fino alla metà del secondo tempo. Negli ultimi 20 minuti le romagnole dilagano segnando 4 gol e trovando la sesta vittoria consecutiva. Ora il primo posto dista solo 1 punto.

Bologna femminile

LAURIA 5.5
-Domenica complicata per l’estremo difensore delle rossoblu: tante conclusioni verso lo specchio della porta, alcune neutralizzate con successo, ma in 90 minuti dovrà raccogliere per ben 5 volte il pallone dalla rete. Imprecisa sul gol in avvio di Sechi, poco può in occasione delle altre 4 reti delle romagnole

RAGGI 5
-Primo tempo da dimenticare per la classe 2002 che, molto spesso lasciata sola dalle proprie compagne, soffre particolarmente le accelerazioni di Nano e le sovrapposizioni di Costa. Poco propositiva in fase di possesso.

ROSSI 5
-Soffre particolarmente la dinamicità dell’attacco del Cesena, facendosi trascinare spesso fuori posizione. Il pressing alto delle romagnole le crea più di qualche fastidio in fase di impostazione, portandola a commettere diversi errori.

BRSCIC 5+
-Solo a tratti riesce a competere con la fisicità di Jansen e compagne. Anche lei spesso fuori posizione e poco decisa nei contrasti.

RIPAMONTI 5-
-Nel primo tempo riesce ad arginare gli attacchi sulla sua corsia, ma nella ripresa è protagonista di 3 errori da matita blu che la vedono troppo leggera in marcatura prima su Lonati e poi su Milan. Errori che costano caro al Bologna.

BARBARESI 5.5
-Jansen gioca su di lei, condendole poco spazio e complicando la sua partita. Prova continuamente a smarcarsi, ma alla fine la sua prova non è sufficiente: pochi palloni toccati e difficoltà a trovare appoggi verticali.

DA CANAL 5.5
-Si fa trovare spesso nel vivo del gioco, corre molto, ma manca di qualità. Non riesce a dare ordine alla manovra, dimostrando poca affinità con le compagne.

GRADISEK 5+
-Giornata no per la centrocampista classe 2003 che non riesce a mettere in campo le proprie qualità fisiche e tecniche. In ritardo sulle seconde palle e poco movimento in fase di possesso.

FARINA 5.5
-Si muove molto alla ricerca della palla, ma riceve spesso spalle alla porta senza riuscire a fare del male alla retroguardia bianconera. Sul finale di primo tempo ha l’occasione di pareggiare la gara, ma il suo diagonale viene neutralizzato da Serafino.

KUSTRIN 5.5
-L’unica che prova a dare un pò di vivacità all’offensiva rossoblu. Prova qualche guizzo, ma, o perché isolata, o perché imprecisa, non riesce mai a rendersi pericolosa

COLOMBO 5+
-Inseguita per tutto il fronte d’attacco dal tandem difensivo D’Auria-Groff fatica a svolgere il compito di protezione della palla. Solo in poche occasioni riesce a dialogare efficacemente con le compagne.

PINNA 6
-Entra con l’atteggiamento giusto, riesce a concludere 2 volte verso la porta difesa da Serafino, ma senza successo

SCIARRONE 5
-Perde ingenuamente il pallone che vale il 2-0. Nel momento in cui Lonati entra in campo la sua partita diventa un incubo. Soffre particolarmente le accelerazioni della numero 9 facendosi superare sia in occasione del gol del 4-0 sia sulla definitiva rete del 5-0.

DE BIASE, ANTOLINI, ARCAMONE S.V.

All. BRAGANTINI 5
-Battuta d’arresto per le emiliane, che dopo 3 vittorie consecutive cadono in terra di Romagna, nel derby contro il Cesena. Il pessimo approccio alla gara costa lo svantaggio al termine del primo tempo. Nella ripresa Bragantini prova a dare una scossa alla squadra con una triplice sostituzione, ma il canovaccio della gara non cambia. Nel finale il Cesena prende il largo.

Jacopo Pagliarani

Serie B Femminile, il Tavagnacco ferma la capolista Ternana e la Lazio ne approfitta per tornare in vetta

Si smuove la classifica nella terza giornata di ritorno: il Tavagnacco ferma la Ternana sullo 0-0 e la Lazio ne approfitta per tornare in vetta. Punti importanti per Ravenna e Freedom. Il Cesena travolge il Bologna nel derby dell’Emilia Romagna.

Risultati e marcatori della 18^ giornata

Domenica 18/02/2024 ORE 12:00

Tavagnacco-Ternana Women 0-0.

Domenica 18/02/2024 ORE 14:00

Freedom-RES Women 2-2 (Doppietta Burbassi/doppietta Boldrini).

Domenica 18/02/2024 ORE 14:30

Lazio Women-Arezzo 4-0 (Moraca, Colombo, Eriksen, Ferrandi).

Cesena-Bologna  5-0 (Sechi, Jansen, Lonati, doppietta Milan).

Parma Calcio-Brescia 5-1 (Distefano, Gago, Benedetti, Di Luzio, Larenza autogoal/Stapelfeldt).

Genoa Cricket-Women Hellas Verona 1-1 (Bargi /Meneghini).

Ravenna Women-Pavia Academy 2-2 (Papaleo, De Matteis/Accoliti, Zecchino).

H&D Chievo-San Marino Academy 2-0 (Begal, Marengoni).

 

Asia Di Palma

La Freedom si prende la scena nel podio di giornata, tripletta e vetta classifica marcatori per Pirone: le migliori

A prendersi la scena in questa seconda giornata di ritorno è la Freedom, che in una domenica pomeriggio invernale espugna il campo del Parma Women e conquista tre punti preziosi. La squadra di Ardito è salita a dodici punti insieme alla San Marino Academy e ora la lotta salvezza si fa sempre più interessante. L’unica tripletta della giornata è firmata dalla classe 1988 Valeria Pirone, che con la “sua” Ternana ha battuto il Ravenna salendo a 46 punti. Tra le migliori di giornata anche Romina Pinna che consegna i tre punti al Bologna, il duo d’attacco dell’Hellas Sondergaard-Rognoni, e la San Marino Academy, che porta a casa lo scontro salvezza.

 

Freedom: festa a Parma

La squadra piemontese, dopo diverse buone prestazioni, raccoglie tre punti preziosi e ottiene la quarta vittoria del suo campionato. Tre punti che valgono moltissimo per come sono arrivati: contro il Parma, dopo una partita di sofferenza. La Freedom è riuscita ad essere concreta: prima con Giulia Asta poi con Martinez ha completato una rimonta importantissima. Mister Ardito ha saputo trasferire i concetti di gioco alle sue ragazze, che con questa vittoria hanno fatto un balzo in avanti fondamentale. Complice la sconfitta del Tavagnacco con il San Marino, le cuneesi sono ora a +4 dalle friulane. Ieri la Freedom ha dimostrato grinta, determinazione, resilienza e forza: una gara in cui gli infortuni non sono mancati, dove, però la concretezza delle biancoazzurre è stata l’arma vincente. Il Parma si è portato in vantaggio dopo dieci minuti con Benedetti e nel primo tempo mister Ardito ha perso Cocco per infortunio. Nella ripresa Giulia Asta annulla le distanze: il suo colpo di testa supera Capelletti. Al 79′ Parascandolo, subentrata da venti minuti, si guadagna un rigore e un’altra neo entrata, Martin, lo trasforma. Negli ultimi dieci minuti la Freedom si compatta e lotta da vera squadra in 10 contro 11 per l’uscita di Parascandolo per infortunio. Al triplice fischio la festa la fa la Freedom che torna dalla trasferta di Parma con un bottino importante.

Tripla Valeria Pirone e capocannoniere

La nuova migliore marcatrice della Serie B femminile ha un nome e un cognome: Valeria Pirone. L’attaccante napoletana, classe 1988, ha siglato ieri una tripletta personale contro il Ravenna, come all’andata, ed ha raggiunto quota 14 in campionato. La giocatrice ha ringraziato le compagne al termine del match ed ha analizzato così la gara: “Non è stata una partita facile nel primo tempo, abbiamo sbagliato delle situazioni che il mister ci aveva chiesto di fare. Però nel secondo tempo siamo state brave, un’attaccante quando sbaglia vuole sempre rifarsi”. Con questa vittoria la Ternana è salita a 46 punti e davanti ha ancora tredici finali per raggiungere l’obiettivo.

Pinna: un gol che vale la vittoria

Romina Pinna, approdata a Bologna nel mercato invernale dalla Freedom, ha già segnato tre reti in sei partite e con il gol di ieri ha regalato i tre punti alle rossoblu. Uno scontro importante quello tra Res Women e Bologna perché si trattava di due squadre molto vicine in classifica e in caso di vittoria le romane avrebbero raggiunto le bolognesi. La sfida tra le due neopromosse, però, è stata vinta dalle emiliane che si sono portate a quota 23 punti staccando Arezzo e Res. La rete di Pinna è arrivata al 28′ su assist di Kustrin, che ancora una volta ha messo in campo un’ottima prestazione. Il tocco di punta di Pinna per anticipare Maurilli dimostra la sua grande esperienza.

Sondergaard-Rognoni duo del gol

Sembra che giochino insieme da mesi, invece ieri era solo la seconda partita in coppia in attacco: Sondergaard e Rognoni il nuovo duo dell’Hellas Verona. La svedese fa due su due: ieri apre le marcature al 18′ e fornisce dopo poco più di dieci minuti l’assist a Dallagiacoma per il raddoppio. Il gol di Alessia Rognoni non si fa attendere e al 42′ la classe 1997 spiazza il portiere del Pavia Academy dagli undici metri. Qualità e quantità le parole chiave delle prestazioni di ieri di Sondergaard e Rognoni, pronte a trascinare ancora l’Hellas Verona a suon di gol.

La classe della new generation vale i tre punti per San Marino Academy

Lo scontro salvezza tra San Marino Academy e Tavagnacco femminile vale una buona parte della lotta per la permanenza in categoria. Le sammarinesi con Swami Giuliani e Martina Tamburini regalano i tre punti a tutti i tifosi in tribuna. La classe 2004 Giuliani apre le marcature ad inizio ripresa: prende una traversa, segna, corre e imposta. A trovare il raddoppio è Tamburini, classe 2002, che da subentrata sigilla la rete finale negli ultimi minuti di gioco.

Asia Di Palma

Serie B Femminile/Bargi, Rognoni, Visentin e non solo si prendono la scena nella 14° giornata

Quattordicesima giornata in archivio nella Serie B femminile, che settimana prossima chiuderà il girone di andata e lascerà spazio ad un primo bilancio. Domenica le tre capoliste non hanno sbagliato: la Ternana ha superato il Pavia, nonostante le assenze forzate; la Lazio ha travolto il Ravenna con sette gol e il Parma ha sconfitto un buon H&D Chievo Women. A ruota vincono anche il Cesena, che rimane a -3 dalla vetta, il Genoa che conquista il secondo successo e clean sheet di fila. In un match combattuto tra Bologna e Hellas, sono le scaligere a guadagnare i tre punti con una super Rognoni. Il Brescia rimonta e sale al settimo posto, mentre rimane calda la situazione in zona retrocessione con San Marino Academy e Freedom a nove punti, Tavagnacco a cinque e Ravenna a uno.

Bargi doppietta e doppia cifra raggiunta

Dieci gol in campionato per Caterina Bargi, sempre più trascinatrice di questa squadra. In rete in nove match su quattordici, l’attaccante ex Sampdoria è la migliore marcatrice delle rossoblu ed ha siglato quasi la metà dei gol di tutta la squadra. L’anno scorso, alla prima stagione al Genoa, ha toccato quota diciannove sigilli in campionato, togliendosi diverse soddisfazioni. La giocatrice, classe 1995, è arrivata a vestire i colori del Grifone nell’agosto 2022, dichiarando di sentirsi a casa “è un sogno poter scendere in campo e lottare per questa maglia”. Lei, che ha anche riscritto la storia dell’Empoli segnando il primo gol in Serie A delle toscane, continua a portare sorrisi al club ligure, che dopo diverse sconfitte è tornato a vincere con Ravenna e Freedom.

Rognoni leader e goleador come il suo idolo

Domenica un’altra doppietta per la classe 1997, che è salita a quota dodici reti e rimane saldamente al comando della classifica marcatori, proprio come il suo idolo Lautaro Martinez in Serie A. Alessia Rognoni apre il match e sigla anche la rete del 3-1 momentaneo. Sempre più determinante per le scaligere, che conquistano la seconda vittoria di fila salendo a 27 punti.

Visentin: protagonista del secondo tempo

Entra dalla panchina e segna tre gol. What else? Giornata perfetta per Noemi Visentin: la classe 2000 subentra a Popadinova e sigla la tripletta personale. In una giornata in cui la Lazio domina dall’inizio alla fine la partita, c’è lo zampino di Visentin che in stagione aveva segnato anche contro l’Arezzo. Dal 2019 alla Lazio, Visentin ha vinto un campionato di Serie B con le biancocelesti disputando la stagione 21-22 in Serie A.

Zazzera e Verrino simbolo della domenica di Brescia e Res Women

Doppietta per la prima, gol del pareggio decisivo per la seconda: Zazzera e Verrino hanno lasciato il segno nei rispettivi match. L’attaccante del Brescia Femminile ha siglato la rete del pareggio momentaneo contro la San Marino Academy, per lei anche l’assist a Fracas per il 2-1. Zazzera, come le compagne, non si perde d’animo dopo il 2-2 delle sammarinesi e con Stapelfeldt  il Brescia passa nuovamente in vantaggio. L’attaccante, ex Fiorentina, raccoglie l’assist di Hjholman e firma la doppietta personale. Sponda Res Women, va sottolineata la prestazione di Giulia Verrino: entra dalla panchina e diventa il pericolo più grande per la difesa avversaria. Attacca senza sosta ed è sua la zampata che porta il match sul pareggio e regala un punto alle romane. La giovanissima classe 2004 è arrivata a Roma in estate, in prestito dal Parma, e ieri ha segnato la prima rete per il club capitolino.

Asia Di Palma

Serie B Femminile/Il Bologna travolge il Ravenna: è 4-1 nel derby dell’Emilia Romagna. Le pagelle

La nuova arrivata Romina Pinna si presenta e va subito in gol, in rete anche Da Canal, Kustrin, Gelmetti. Il gol del momentaneo pareggio del Ravenna viene segnato da De Matteis.

Bologna

SASSI 6
Non deve compiere interventi degni di nota, sul gol forse poteva fare qualcosina in più

RAGGI 6
Una buona gara, ma meno arrembante del solito

RIPAMONTI 6
Gioca al centro della difesa, nella ripresa viene spostata sulla sinistra: gara solida

GRADISEK 6.5
Fondamentale, compie diverse chiusure determinanti sulle iniziative avversarie

ZANETTI 5.5
Parte bene, cala alla distanza, forse anche per un colpo subito. Esce all’intervallo

BARBARESI 6
Qualche sbavatura in più rispetto alle sue solite prestazioni, sempre molto convincenti

DA CANAL 6.5
Trova il vantaggio sugli sviluppi di un piazzato, gioca un’ottima gara

DE BIASE 7
Punto di riferimento del centrocampo rossoblu, come al solito ci mette grinta e qualità

GELMETTI 7
Sempre propositiva e pericolosa, è in un momento positivo. Cerca il gol e alla fine trova anche quello

KUSTRIN 6.5
La sua qualità si vede nei momenti difficili del Bologna. Trova il gol che cambia il match

PINNA 7
All’esordio con il Bologna, sembra che giochi in rossoblu da una vita. Timbra subito il cartellino: MVP di giornata

ROSSI 6
Entra e si prende il versante destro della difesa, giocando una gara di cuore e gamba

COLOMBO 6.5
Buon ingresso, dimostra di essere subito dentro al match

FARINA 6
Entra sul 2-1 e prova a dare ulteriore vivacità alla manovra rossoblu

BRSCIC 6
Gioca come centrale accanto a Gradisek, buon ingresso

FUGANTI S.V.

ALL. BRAGANTINI 7: Il Bologna, proprio come lui si aspettava, sta iniziando a macinare gioco e risultati. Rossoblu in grande ascesa.

Ravenna

MARTINOLI 6.5
Quattro gol subiti, ma pesano molto di più le parate che tengono il Ravenna in partita per oltre un’ora

CROIN 5.5
Per larghi tratti della partita controlla con attenzione la propria zona di competenza, ma ha qualche colpa sul gol del 2-1

GREPPI 5.5
Un’ora di solidità, poi 9’ di buio insieme al resto della retroguardia

CATALANO 5.5
Prestazione molto simile a quella della compagna di reparto: bene fino al gol del 2-1

MELE 6
Sufficienza che sarebbe potuta essere anche qualcosa in più, nella prima parte di gara annulla le avversarie

PETRALIA 6
Gioca un po’ più avanti rispetto al solito, la sua qualità è fondamentale nel gol del momentaneo pari

GEORGIOU 5.5
Prestazione positiva per i primi 60’, poi crolla nel finale e commette anche l’errore che porta al 4-1

PUNTONI 5.5
Un buon primo tempo, evanescente nella ripresa. Può fare qualcosa in più

FANCELLU 6.5
Merita la sufficienza, è il punto di riferimento in attacco per il Ravenna per i primi 60’: il gol sarebbe stato un bel premio

COSTANTINI 6.5
Anche lei gioca una partita positiva, nonostante il risultato: è un pericolo costante per la difesa rossoblu

DE MATTEIS 6.5
Solita prestazione di grinta e solidità, a cui aggiunge un gol di pregiata fattura

LATTANZIO 5.5
Entra dopo il 2-1, non riesce a dare la scossa alle compagne

DIVERSI S.V.

QUERCIOLI S.V.

VENTURA S.V.

TUGNOLI S.V.

ALL PROSERPIO MARCHETTI 6: La crescita del suo Ravenna è visibile, manca però la tenuta psicologica in situazioni complicate, come l’inatteso gol del 2-1 del Bologna. Prima o poi il lavoro pagherà dividendi.

 

Salvo Fratello

 

Bologna Femminile scatenato sul mercato: ecco l’attaccante ex Torres e Napoli Romina Pinna e il difensore Alice Rossi dal Sassuolo

Dopo gli arrivi di Fuganti e Brscic, il Bologna Femminile non si ferma sul mercato e mette a segno altri due colpi molto importanti. Il club rossoblu ha acquisito a titolo definitivo le prestazioni dell’attaccante sarda, Romina Pinna. Una calciatrice con esperienza di alto livello sia in Italia che all’estero. Pinna vanta nel suo palmares due Scudetti con la maglia del Torres, un campionato di Serie B (22-23) con il Napoli con cui ha realizzato dieci reti e una Supercoppa Italiana con le sarde. Dopo gli anni vincenti in Sardegna, è volata in Inghilterra per indossare la maglia del West Ham e giocare nella terza serie calcistica femminile. In estate è passata alla Freedom, dove, ha realizzato quattro reti in undici match. Da una giocatrice di esperienza a una più giovane ma con già diverse avventure alle spalle: Alice Rossi arriva in rossoblu dal Sassuolo a titolo temporaneo. Il difensore, classe 2002, si avvicina al calcio proprio nel vivaio rossoblu per poi girare l’Italia tra Riccione, Sassuolo, Tavagnacco e Cesena. Lo scorso febbraio ha subito un grave infortunio, ma ora è pronta per tornare a pieno ritmo e vestire la maglia del Bologna.

Il comunicato del club

Il Bologna F.C. 1909 comunica di aver acquisito le prestazioni sportive di Romina Pinna, a titolo definitivo fino al 30 giugno 2024, e di Alice Rossi, a titolo temporaneo per lo stesso periodo, dall’U.S. Sassuolo CalcioCome Brscic e Fuganti, anche le due neorossoblù si sono aggregate alla squadra per essere disponibili in vista della sfida contro il Ravenna, domenica prossima.

Pinna, nata il 2/5/1993 a Olbia, è un’attaccante di piede destroche, in rossoblù, porta esperienza e tanti gol sulle spalle: a parte le prime stagioni, ha sempre raggiunto la doppia cifraHa iniziato a giocare a calcio, all’età di 5 anni, nella squadra del suo comune, Oschiri, in provincia di Sassari, passando alla Torres all’età di 14 anni. Terminate le prime due stagioni in Primavera, il Club decide di promuoverla in prima squadra nell’estate del 2009, in Serie A: a parte due annate in prestito all’Atletico Oristano, con le sarde vince lo Scudetto 2012-2013 e la Supercoppa 2009, esordendo – nella stagione 2014-2015 – anche in Women’s Champions League, competizione nella quale segna una reteDopo il fallimento delle sassaresi, si trasferisce al West Ham nell’estate 2015 – quando il club militava nella Serie B inglese – sposando, un anno dopo, il progetto della Pink Bari, tornando nella massima categoria italiana. Quindi, annualmente, si sposta al Lusernascendendo poi in Serie B tra Fortitudo Mozzecane (dove conosce Bragantini), Orobica (Serie A)CittadellaPomigliano – con cuiconquista la promozione in Serie A, venendo eletta come miglior giocatrice del campionato  Cesena e Napoli, squadra con cui ritrova il primo posto. Infine, negli ultimi mesi gioca nella Freedom. Lato Nazionale, ha vestito le maglie delle selezioni Under 17 e Under 19.

Rossi, nata il 9/4/2002 a Bologna, è un difensore centrale di piede destro che può giocare anche terzinoSi avvicina al calcio all’età di 11 anni proprio in rossoblùai tempi dell’A.S.D. Bologna F.C. 1909, spostandosi al Riccione Calcio dopo quattro stagioni e, ancora, al Sassuolo, in Serie ADurante la sua militanza in neroverde esordisce in Serie A il 20 aprile 2019, venendo ceduta in prestito prima al Tavagnacco (Serie B) nella stagione 2021-2022 e, poi, al Cesena, dove a febbraio è soggetta alla rottura del legamento crociato del ginocchio destro. Negli ultimi mesi, a Sassuolo termina il recupero che le vale la chiamata del Bologna.Nel suo curriculum conta anche un raduno con la Nazionale Under 19.

Romina indosserà la maglia numero 17, mentre Alice la 29.”

 

Le prime parole delle due nuove pedine del Bologna

Le ambizioni di Romina Pinna: Sono tanti i fattori che mi hanno spinto ad accettare la proposta del Bologna: il progetto che c’è intorno al settore femminile, ma pure anche la voglia di mettermi in gioco in una piazza così importante. Penso che la classifica della squadra non sia giusta: spero che – con i miei gol e l’aiuto reciproco tra noi compagne – potremo finire tra le prime cinque classificate”. Compagne ritrovate e progetto ambizioso, le dichiarazioni di Rossi: “Il progetto del Bologna è ben strutturato, sono presenti aspetti importanti come il fatto di allenarsi alla mattina o la bellezza del campo, che hanno sicuramente influito nella scelta.
Fino ad ora mi sono allenata con giocatrici di Serie A, dove il livello è molto alto, quindi sono sicura di poter alzare il livello qualitativo della squadra. Da parte mia, voglio riprendere al più presto il ritmo partita, aiutando il gruppo a centrare gli obiettivi collettivi: tra l’altro, in squadra conosco Monica Spallanzani, Nicole Lauria e Sara Sassidai tempi del Sassuolo, ma ritrovo anche compagne con cui giocavo a Bologna quali Martina Marcanti, Sara Zanetti, Beatrice Sciarrone, Nicole Lauria e Marilyn Antolini”.

Asia Di Palma

Il Bologna Femminile annuncia due nuovi arrivi: Brscic e Fuganti approdano in prestito in rossoblu

Il Bologna Femminile ha dato il benvenuto a due nuove giocatrici: Margherita Brscic e Matilde Figanti. Entrambe approdano nella città delle Due Torri in prestito fino al 30 giugno 2024 da Juventus e Parma. Brscic, difensore classe 2001, ha già esordito in Serie A con la maglia dell’Empoli giocando per due stagioni con i toscani dal 2020-2021 al 2021-2022. Nella scorsa annata ha vissuto la prima parte con il Genoa Women in Serie B per poi tornare nella massima categoria con il Parma Women. Ora la giocatrice, di proprietà della Juventus, passa in prestito al Bologna. Insieme a lei arriva anche la centrocampista, classe 1999, Matilde Fuganti. Originaria di Cles, ha iniziato a giocare a calcio da piccolissima in una squadra mista per poi spostarsi all’As Azzurra Femminile fino ad arrivare al Trento nel 2016. In estate si è trasferita al Parma Women, ma ha deciso di cambiare casacca per trovare più spazio e nuovi stimoli. Entrambe sono a disposizione di mister Bragantini per il derby contro il Ravenna.

 

L’annuncio ufficiale

“Il Bologna F.C. 1909 comunica di aver acquisito le prestazioni sportive di Margherita Brscic e Matilde Fuganti a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2024, rispettivamente da Juventus F.C. e Parma Calcio 1913. Le due neorossoblù saranno a disposizione di mister Simone Bragantini per il derby di domenica 7 gennaio contro il Ravenna.

Brscic, nata ad Aosta il 29/9/2001, è un difensore di piede destro centrale fisico, applicata nelle letture tattiche e nella guida delle compagne di reparto. Si è avvicinata al calcio giocando tra Saint-Vincent-Chatillon e Fenusma, dall’età di 6 anni, mentre ai 15 si è spostata al Luserna, in Primavera. Poi, il salto alla Juventus – nella stessa categoria – lasciata dopo tre stagioni dall’estate 2017 per approdare in Serie A, con la maglia dell’Empoli nelle seguenti due annate: categoria ritrovata nel gennaio 2023 con il Parma dopo una prima parte giocata con la maglia del Genoa in cadetteria. Nel suo palmares vanta due vittorie alla Viareggio Women’s Cup.

Fuganti, nata il 16/2/1999 a Cles (TN), è una centrocampista d’impostazione di piede sinistro, dotata di visione di gioco, fisicità e dribbling. Ha iniziato a giocare a calcio all’età di 6 anni in una squadra mista del suo paese, l’ASD Predaia, fino all’età di 14 anni. Si è spostata, poi, nel Sudtirol per due stagioni, quindi all’US Azzurra Femminile e, dall’estate 2016, ha vestito la casacca del Trento, in Serie C, conquistando la cadetteria nella stagione 2021-2022. Nella precedente finestra di mercato estiva ha sposato il progetto del Parma, prendendo negli ultimi giorni la Via Emilia che l’ha portata sotto le Due Torri.
Margherita Brscic indosserà la maglia numero 14, Matilde Fuganti la 24.”

 

 

Le prime parole di Brscic

“Mi ha portato ad accettare la proposta del Bologna sicuramente il progetto e l’attenzione ai dettagli della società, ma soprattutto il gioco espresso, che mi ha colpito molto in questa prima fase di campionato.
Conto di portare le mie migliori qualità e di poter essere utile il più possibile all’obiettivo comune, migliorando continuamente: spero di poterlo fare in ogni aspetto che mi definisce come atleta, dalla prestanza fisica alla capacità tecnica”.

Fuganti si presenta ai tifosi

Ho accettato la proposta del Bologna perché è una società molto seria, con un bel progetto: una conferma dopo le due partite dove l’ho affrontato quand’ero a Parma, negli scorsi mesi. Cambiare a metà stagione non era sicuramente nei miei piani, ma in questo momento avevo bisogno di stimoli nuovi e penso che questa sia la piazza giusta.
Porto la mia esperienza vissuta con le ducali: anche se per poco, credo sia stata comunque molto formativa per me, quindi piena di professionalità, determinazione e voglia di migliorare.
Tra i miei obiettivi c’è sicuramente quello di essere più rapida nel pensiero e velocizzare la giocata, completando il mio pacchetto in cui rientra anche il non essere mai sazia”.

 

Asia Di Palma