Serie B femminile: impresa Tavagnacco con la Ternana, è di Boldrini la perla di giornata. Le migliori del 18^turno

Si chiude il 18^ turno di Serie B Femminile e ora spazio alle Nazionali. Nella domenica di Serie B, uno stoico Tavagnacco ha fermato la Ternana sullo 0-0 e la Lazio, battendo l’Arezzo, è tornata in vetta a 47 punti. Dietro di loro c’è sempre il Cesena che si regala un pomeriggio indimenticabile superando il Bologna nel derby dell’Emilia Romagna davanti ai propri tifosi. Il Parma torna a vincere e lo fa nel migliore dei modi con una prestazione ottima: cinque goal al Brescia e quota 37 punti raggiunta. Nelle zone più basse di classifica sono diverse le protagoniste: da Burbassi a Boldrini, che con le rispettive doppiette hanno portato un punto a Freedom e Res. A Ravenna, invece, De Matteis fa scattare la festa con il goal al 95′, ma da sottolineare la prestazione di Papaleo che trova la rete dell’1-1 e si rende determinante.

Impresa Tavagnacco contro la Ternana

Ieri il Tavagnacco ha guadagnato un punto contro la capolista Ternana e si è portato così a nove in classifica, a -3 dalla San Marino Academy e 4 dalla Freedom. La gara di ieri ha segnato un “record” in questa stagione: è stata la prima partita in cui la Ternana non ha segnato. Il miglior attacco della Serie B è rimasto a secco e il merito va sicuramente anche a Giulia Sattolo. L’estremo difensore, classe 2004, ha mostrato grande attenzione e si è rivelata provvidenziale quando è stata chiamata in causa. Le friulane, dopo le due pesanti sconfitte con Brescia e San Marino Academy, tornano a fare un punto in un match che si presentava quasi come una “mission impossible”. Una gara che potrebbe segnare uno switch da qui alla fine del campionato per provare a raggiungere la salvezza.

Lonati: entra e spacca la partita

Entrare dalla panchina e farlo nel modo giusto: Gaia Lonati ha poco più di venti minuti a disposizione e fa tutto ciò che può. Al 77′, cinque minuti dopo il suo ingresso, segna di testa, complice anche un tocco di schiena di un’avversaria, poi dopo pochi minuti serve il primo assist a Gaia Milan. L’asse Lonati-Milan è ancora vincente al 92′ quando la classe 2004, di proprietà dell’Inter, arriva di corsa sulla fascia di destra e mette al centro per Milan che non sbaglia e firma la manita del Cesena. Una prova impeccabile per le ragazze di Alain Conte in una giornata speciale: al termine della gara la società bianconera ha ricordato Marco Pantani a vent’anni dalla sua scomparsa.

Double Burbassi e Boldrini: la classe delle 2001

Sono loro a decidere la partita e sono senza dubbio le migliori della partita e delle rispettive squadre. La prima ad iscriversi sul tabellino dei marcatori è la centrocampista della Res Arianna Boldrini: la classe 2001 riceve l’assist di Nagni e porta in vantaggio le giallorosse a pochi secondi dalla fine del primo tempo. Ad inizio ripresa è sempre lei la protagonista: al 54′ vede un po’ di spazio, avanza sulla trequarti e trova una perla dai 25 metri. La Freedom, però non molla, e rimonta lo svantaggio grazie ad una delle giocatrici chiave di questa squadra: Giada Burbassi. L’attaccante classe 2001 si carica sulle spalle la squadra e in due minuti (81′ e 83′) pareggia i conti regalando un punto importante alle sue. Burbassi incarna perfettamente lo spirito della nuova Freedom targata Michele Ardito.

Ferrandi e Zecchino nei top goal di giornata

Ferrandi per la Lazio contro l’Arezzo, Zecchino per il Pavia contro il Ravenna segnano con due grandi conclusioni, che hanno però esiti diversi nei rispettivi match. La rete della laziale sigla il 4-0 definitivo e per Ferrandi si tratta della quarta marcatura in campionato, dove, ci ha abituato solo a gol di grande qualità. Per Giulia Zecchino si tratta della prima rete in campionato: un bel gol che porta le sue sul 2-1, gioia strozzata solo nel finale dal pareggio del Ravenna in extremis. L’ingresso della centrocampista, classe 1998, porta qualità e quantità al Pavia, che dopo la sosta affronterà un match delicato con il Tavagnacco.

 

Asia Di Palma

Il Ravenna fa festa all’ultimo minuto: è 2-2 con il Pavia Academy, le pagelle

Il Ravenna fa festa all’ultimo minuto: la rete di De Matteis, prima annullata, poi convalidata vale il 2-2 finale. Il Pavia va in vantaggio con Accoliti, poi Papaleo pareggia. Negli ultimi dieci minuti il risultato cambia nuovamente: all’85’ Zecchino con una grande rete porta le ospiti sul 2-1, al 93′ le giallorosse rimettono il match in parità.

Ravenna Women

PIGNAGNOLI 6.5
Partita fondamentalmente tranquilla, sui due gol non può nulla. Nella ripresa salva il risultato in un’occasione

CROIN 6.5
Se Codecà fa fatica, buona parte del merito è suo. Gran partita di copertura

GREPPI 6.5
Partenza silenziosa, ma con il passare dei minuti diventa determinante su quasi tutte le azioni difensive

TUGNOLI 6.5
Giocava contro la sua ex squadra e si vede: prestazione da leonessa, sempre pronta a mettere una pezza quando serve

MELE 6
Prestazione positiva, battaglia con chiunque passi dalle sue parti. Ha margini di crescita importanti

GEORGIOU 6
La sufficienza è ampiamente meritata, nel primo tempo si fa sentire molto, nella ripresa prova a diventare anche punto di riferimento avanzato

PETRALIA 6
Cerca di mettere ordine in mezzo, non sempre ci riesce, vista anche la partita “sporca”. Sufficienza piena

DIVERSI 6
Una buona prestazione, si vede soprattutto nel primo tempo

PAPALEO 7
Prestazione di alto livello. Gioca una partita quasi perfetta, le avversarie faticano a starle dietro, e trova anche il gol dell’1-1. Determinante: è lei l’MVP di oggi

LATTANZIO 6.5
Anche per lei, come per Tugnoli, la gara è importante, anche lei è un’ex, anche lei gioca una gran partita

DE MATTEIS 7
Che dire: lotta, come sempre, per 95’, e segna, come sempre, di forza. Va a prendersi il gol del 2-2

TENGATTINI 6
Era ferma da una vita, torna finalmente in campo. Servirà anche lei al Ravenna

SEDO’ CONSARNAU 5.5
Fatica ad entrare in partita, deve ancora entrare nei meccanismi

FANCELLU 6
Entra per scompigliare le carte in tavola ed in qualche occasione ci riesce

CATALANO 5.5
Qualche difficoltà e diversi palloni persi nei primi minuti, pian piano prende le misure alla partita

All.: MELANDRI 6.5
Il voto va a lui ed allo staff, che ha dovuto fronteggiare l’esonero di Proserpio Marchetti, arrivato in settimana. Il Ravenna è vivo

Pavia Academy

MIGLIAZZA 6
Non deve compiere grossi interventi, sui due gol subiti può fare poco

CREVACORE 6
Il voto è una media tra le tante letture difensive ottime ed il mezzo errore sul gol di Papaleo. La qualità c’è e si vede

ASAMOAH 6
Rispetto al solito, sbaglia qualcosina in più, anche perché De Matteis è una cliente scomoda dal punto di vista fisico. Merita comunque la sufficienza

SEMPLICI 6.5
Che dire, è una veterana, sebbene sia una 2004. Una delle poche in campo a riuscire a giocare pulito in una partita “sporca”

GRUMELLI 6
Sta crescendo, gioca un buonissimo primo tempo e mostra tutte le sue qualità. Può fare ancora meglio

CAVICCHIA 6
Non è facile giocare su un campo come il “Soprani” per chi ha le sue qualità tecniche, ma lei strappa comunque una sufficienza meritata

D’UGO 6.5
Accetta la sfida di fisico e lotta che le avversarie le propongono, spesso ne esce vincitrice con la palla al piede. Coraggiosa

LONGONI 6
Probabilmente è impossibile, per lei, scendere sotto la sufficienza. Oggi fatica leggermente più del solito, ma fa il suo

ACCOLITI 6.5
Il gol in avvio le regala anche l’entusiasmo per giocare una gran partita. Una delle migliori del Pavia

CAVALLIN 6.5
Gioca lontano dalla porta, ma la sua presenza si sente. Ci mette tutto quello che ha e, considerando l’età, è tanta roba

CODECA’ 5.5
Giornata complessa per la capocannoniera del Pavia. Le compagne non riescono ad armarla in velocità, lei prova comunque a dare un apporto fisico al match, ma la difesa avversaria non le dà tregua

CONTENA 6
Entra all’intervallo, gioca una partita ampiamente sufficiente. Tanti palloni passano da lei nella ripresa

ZECCHINO 7
Il suo ingresso è positivo, e non solo per il gol. Porta qualità e quantità alla mediana del Pavia, oltre a segnare con una conclusione spettacolare

AVALLONE 6
Si vede poco, ma quando ha la palla non sbaglia quasi nulla. Anche lei è in crescita

APRILE 6
Pochi minuti, ma di qualità. Pian piano sta entrando nei meccanismi del Pavia

POLILLO S.V.

All.: SALTERIO 6.5
Il suo Pavia, su un campo difficile, sfiora il colpaccio che avrebbe regalato tre punti pesantissimi in chiave salvezza. Non arriva il successo, ma la sua squadra ha un’identità importante

Salvo Fratello

 

La Freedom si prende la scena nel podio di giornata, tripletta e vetta classifica marcatori per Pirone: le migliori

A prendersi la scena in questa seconda giornata di ritorno è la Freedom, che in una domenica pomeriggio invernale espugna il campo del Parma Women e conquista tre punti preziosi. La squadra di Ardito è salita a dodici punti insieme alla San Marino Academy e ora la lotta salvezza si fa sempre più interessante. L’unica tripletta della giornata è firmata dalla classe 1988 Valeria Pirone, che con la “sua” Ternana ha battuto il Ravenna salendo a 46 punti. Tra le migliori di giornata anche Romina Pinna che consegna i tre punti al Bologna, il duo d’attacco dell’Hellas Sondergaard-Rognoni, e la San Marino Academy, che porta a casa lo scontro salvezza.

 

Freedom: festa a Parma

La squadra piemontese, dopo diverse buone prestazioni, raccoglie tre punti preziosi e ottiene la quarta vittoria del suo campionato. Tre punti che valgono moltissimo per come sono arrivati: contro il Parma, dopo una partita di sofferenza. La Freedom è riuscita ad essere concreta: prima con Giulia Asta poi con Martinez ha completato una rimonta importantissima. Mister Ardito ha saputo trasferire i concetti di gioco alle sue ragazze, che con questa vittoria hanno fatto un balzo in avanti fondamentale. Complice la sconfitta del Tavagnacco con il San Marino, le cuneesi sono ora a +4 dalle friulane. Ieri la Freedom ha dimostrato grinta, determinazione, resilienza e forza: una gara in cui gli infortuni non sono mancati, dove, però la concretezza delle biancoazzurre è stata l’arma vincente. Il Parma si è portato in vantaggio dopo dieci minuti con Benedetti e nel primo tempo mister Ardito ha perso Cocco per infortunio. Nella ripresa Giulia Asta annulla le distanze: il suo colpo di testa supera Capelletti. Al 79′ Parascandolo, subentrata da venti minuti, si guadagna un rigore e un’altra neo entrata, Martin, lo trasforma. Negli ultimi dieci minuti la Freedom si compatta e lotta da vera squadra in 10 contro 11 per l’uscita di Parascandolo per infortunio. Al triplice fischio la festa la fa la Freedom che torna dalla trasferta di Parma con un bottino importante.

Tripla Valeria Pirone e capocannoniere

La nuova migliore marcatrice della Serie B femminile ha un nome e un cognome: Valeria Pirone. L’attaccante napoletana, classe 1988, ha siglato ieri una tripletta personale contro il Ravenna, come all’andata, ed ha raggiunto quota 14 in campionato. La giocatrice ha ringraziato le compagne al termine del match ed ha analizzato così la gara: “Non è stata una partita facile nel primo tempo, abbiamo sbagliato delle situazioni che il mister ci aveva chiesto di fare. Però nel secondo tempo siamo state brave, un’attaccante quando sbaglia vuole sempre rifarsi”. Con questa vittoria la Ternana è salita a 46 punti e davanti ha ancora tredici finali per raggiungere l’obiettivo.

Pinna: un gol che vale la vittoria

Romina Pinna, approdata a Bologna nel mercato invernale dalla Freedom, ha già segnato tre reti in sei partite e con il gol di ieri ha regalato i tre punti alle rossoblu. Uno scontro importante quello tra Res Women e Bologna perché si trattava di due squadre molto vicine in classifica e in caso di vittoria le romane avrebbero raggiunto le bolognesi. La sfida tra le due neopromosse, però, è stata vinta dalle emiliane che si sono portate a quota 23 punti staccando Arezzo e Res. La rete di Pinna è arrivata al 28′ su assist di Kustrin, che ancora una volta ha messo in campo un’ottima prestazione. Il tocco di punta di Pinna per anticipare Maurilli dimostra la sua grande esperienza.

Sondergaard-Rognoni duo del gol

Sembra che giochino insieme da mesi, invece ieri era solo la seconda partita in coppia in attacco: Sondergaard e Rognoni il nuovo duo dell’Hellas Verona. La svedese fa due su due: ieri apre le marcature al 18′ e fornisce dopo poco più di dieci minuti l’assist a Dallagiacoma per il raddoppio. Il gol di Alessia Rognoni non si fa attendere e al 42′ la classe 1997 spiazza il portiere del Pavia Academy dagli undici metri. Qualità e quantità le parole chiave delle prestazioni di ieri di Sondergaard e Rognoni, pronte a trascinare ancora l’Hellas Verona a suon di gol.

La classe della new generation vale i tre punti per San Marino Academy

Lo scontro salvezza tra San Marino Academy e Tavagnacco femminile vale una buona parte della lotta per la permanenza in categoria. Le sammarinesi con Swami Giuliani e Martina Tamburini regalano i tre punti a tutti i tifosi in tribuna. La classe 2004 Giuliani apre le marcature ad inizio ripresa: prende una traversa, segna, corre e imposta. A trovare il raddoppio è Tamburini, classe 2002, che da subentrata sigilla la rete finale negli ultimi minuti di gioco.

Asia Di Palma

Il Ravenna Women rafforza l’attacco con l’esperienza di Francesca Papaleo

Il Ravenna Women ha ufficializzato un nuovo innesto di mercato: si tratta dell’attaccante, classe 1990, Francesca Papaleo. La calciatrice entra a far parte della rosa di Elena Proserpio Marchetti e proverà a dare il suo apporto offensivo alle giallorosse, che hanno segnato solo cinque reti in stagione.

Papaleo, originaria di Bordighera, cresce nella Matuziana Sanremo con cui colleziona oltre cento presenze dalla Serie C all’A2. Poi si trasferisce al Cuneo, in prestito, e con le biancorosse raggiunge una storica promozione in Serie A risultando una giocatrice fondamentale con le sue 15 reti. Con le biancorosse ha debuttato in Serie A nella stagione seguente, 2014-2015, poi nel 2016 passa all’Alessandria, prima di tornare ad essere determinante con l’Empoli.

Con la maglia delle toscane contribuisce alla prima storica promozione della squadra biancoazzurra in serie A e l’anno dopo alla salvezza. Nel 2020 passa all’Hellas Verona, sempre in Serie A, e nel mercato invernale di quella stagione si trasferisce a Cesena. Nelle ultime due stagioni ha indossato la maglia della San Marino Academy. Per l’attaccante subito una gara delicata: domenica lo scontro salvezza contro il Tavagnacco femminile.

L’annuncio ufficiale

“Siamo lieti di dare la benvenuta a Francesca Papaleo. La classe ’90 entra nelle fila del RAVENNA WOMEN fc a disposizione della mister Elena Proserpio Marchetti per il resto della stagione.”

 

Asia Di Palma

Il Ravenna Women si prepara al riscatto nel nuovo anno e ricerca l’esperienza dal mercato: ecco i tre nuovi acquisti

Il Ravenna Women ha vissuto una prima parte di stagione complicata in cui ha collezionato solo un punto, siglato quattro gol e ne ha subiti trentaquattro. Numeri negativi che complicano la salvezza per la squadra di Elena Proserpio Marchetti. Il Ravenna, però, è cresciuto nelle ultime partite nelle prestazioni ma ciò che è sempre mancato è la vittoria. In occasione dell’ultimo match di campionato, l’allenatrice delle leonesse ha rimarcato come le sue ragazze siano migliorate nell’atteggiamento e che manchi un po’ di fortuna.

 

Una rosa rivoluzionata

Rispetto alla scorsa stagione, in cui il Ravenna ha chiuso il campionato al nono posto, la rosa è completamente cambiata: 25 nuove giocatrici. Le emiliane avevano staccato di ben 12 punti la zona retrocessione, dove l’ultimo posto era occupato dal Tavagnacco (22 punti). La stagione è ancora lunga, i match da disputare sono 19 tra cui l’importante scontro diretto con il Tavagnacco (ultimo match del girone di andata). Scontri diretti che possono valere una stagione intera: il Ravenna ha perso sia con la Freedom che con la Res Women, mentre ha pareggiato con la San Marino Academy. Come dichiarato da Elena Proserpio Marchetti al termine del match con l’H&D Chievo Women, manca qualcuno che butti dentro la palla dato che finora sono state segnate solo quattro reti.

Il mercato regala novità: fine anno con il botto 

La società ha deciso di intervenire sul mercato per dare una svolta alla stagione e aggiungere esperienza alla squadra. Nella rosa attuale sono solo cinque le giocatrici nate prima del 2000: Costantini (99), Georgiou (96), Petralia (89), Quercioli (95) e Pereira (98). Si tratta dunque di un gruppo giovanissimo che sta maturando esperienza e per questa ragione la società ha regalato tre colpi di mercato. L’attaccante Giannina Lattanzio, il difensore Martina Tugnoli e l’esperto portiere Alice Pignagnoli. Lattanzio, classe 1993, approda a Ravenna dopo aver lasciato Pavia con due reti all’attivo. L’attaccante porterà esperienza internazionale alle giallorosse e il Ravenna avrà bisogno dei suoi goal per provare a risalire la classifica. Sempre da Pavia approda un’altra giocatrice: la classe 1996 Martina Tugnoli. Tra le protagoniste della storica promozione in B delle pavesi, Tugnoli ha vestito in passato la maglia della Pro Sesto Women. Ad inizio gennaio approderà in giallorosso anche un portiere di grandissima esperienza: Alice Pignagnoli, classe 1988. L’estremo difensore, originaria di Reggio Emilia, ha una lunga carriera alle spalle fatta di momenti che hanno anche segnato la storia del calcio femminile italiano. Pignagnoli esordisce in Serie A con il Milan nella stagione 2008-2009, poi Como e Napoli, prima di arrivare alla Torres con cui vince uno Scudetto, una Supercoppa ed esordisce in Champions League. Nel 2019 si ferma perché mette alla luce la prima figlia e dopo solo 100 giorni torna in campo con il Cesena nel match contro il Milan. Nel 2022 però le cose vanno diversamente: quando è tesserata per la Lucchese, Pignagnoli denuncia una situazione spiacevole avvenuta nel momento in cui ha comunicato al club la gravidanza. Ora, Alice tornerà a giocare e darà il suo contributo al Ravenna Women. 

Asia Di Palma